Panel 1 - prospettive.cultura@ict&newmedia

Opportunità delle nuove tecnologie e dei nuovi media

c04-txt_arcidiaconoAntonio Arcidiacono
EUTELSAT


 

I nuovi media : da consumatori ad attori

Nuove tecnologie (broadcasting digitale satellitare, terrestre, Internet Broadband, 3rdth   and 4 generation mobile services, etc.) promettono grandi prospettive... ma come             essere attori e non semplicemente spettatori o consumatori ?

La mia esperienza

La mia esperienza è quella di un ragazzo che ha trasformato:

I suoi hobbies

radioamatore a 11 anni - comunicazione

lancio di una radio FM insieme a degli amici - comunità locale e pubblicità per il sostentamento economico

dai circuiti elettronici ai computers della prima generazione - da strumenti per divertirsi a strumenti per risolvere problemi

Nel proprio lavoro da ormai 20 anni

con il gusto della creazione , dell'innovazione, dello sviluppo di nuove tecnologie e nuovi business.

Allora ...

Perchè non ‘innovare per l'innovazione' oggi, e dare la possibilità immediatamente alle nuove generazioni di diventare protagonisti e non solo spettatori, contribuendo a costruire il nuovo futuro ?

Gli strumenti

Avere un canale 24/7 In MPEG4 da satellite costa oggi 100 KEuro/anno o poco più.

Un canale in MPEG2 ricevibile da circa 6 milioni di famiglie solo in Italia costa circa 500 KEuro/anno.
Accedere con un collegamento a larga banda via internet ad un server di ‘hosting' costa alcune decine di euro al mese.
E presto sarà possibile accedere a dei canali locali per la TV digitale terrestre ...da ricevere a casa e anche sui telefonini ...
Domani , e già oggi, per esistere bisogna e bisognerà essere attori di questi nuovi media ...

COSA FARE : un esempio o una provocazione ...

Sarebbe possibile a livello scolastico (liceo) dare accesso ai professori ed ai ragazzi (a livello volontario) alla possibilità di produrre contenuti: dalla semplice produzione di lezioni/monografie da ridiffondere a livello nazionale a tutte le scuole a commenti e unità audiovisive su argomenti di interesse dei giovani.
Giovani che parlino ai giovani di ciò che li interessa.
Oggi esistono strumenti molto economici e flessibili: basta una telecamera digitale, delle luci, un PC multimediale per la postproduzione, una connessione a larga banda verso un server dove ospitare I vari contenuti che potrebbero poi essere diffusi da satellite su un canale condiviso.
I ragazzi diventerebbero dei protagonisti dalla produzione degli script dei vari argomenti, alla produzione, alla post produzione e pubblicazione, prima sull'internet e poi in diffusione verso le altre scuole in MPEG4 e poi eventualmente selezionando I prodotti più gettonati per creare alla fine un sistema di ridiffusione verso il grande pubblico in MPEG2.
Sembra un sogno ma non c'è nulla di esoterico o esageratamente costoso.
Si aprirebbe una strada alla alfabetizzazione delle nuove generazioni capace di fornire allo stesso tempo prospettive per mestieri interessanti (dal mondo letterario a quello tecnico/scientifico) e certamente una interpretazione molto più informata sui nuovi media da non subire come meri consumatori.
Allo stesso tempo questi nuovi strumenti permettono la creazione di comunities che potranno crescere sia in termini di conoscenze e cultura che in termini sociali sia a livello locale e, per la natura stessa dei nuovi strumenti di comunicazione, a livello nazionale, continentale e globale.
Non tutti quelli che hanno studiato musica per imparare a suonare uno strumento saranno diventati dei direttori d'orchestra o dei grandi concertisti ma certamente hanno una alfabetizzazione maggiore che gli permette di apprezzare un bel concerto sia questo pop o classico. 

Conclusione : giusto dei commenti ... a voi le conclusioni ... 

Agire oggi è possibile e necessario se vogliamo che I nuovi media ed I nuovi strumenti tecnologici rappresentino una opportunità per le nuove generazioni.
Il ruolo della nostra generazione è quello di dare una chance ai nostri figli per profittare di quanto abbiamo sviluppato.
Non esiste un vero limite economico ma solo la necessità di una volontà di mettersi in gioco ed imparare giorno dopo giorno a far divenire le nuove tecnologie strumenti di crescita umana , economica e sociale.
Vale la pena di provare e vedere cosa succede : piuttosto che discutere ... provare e vedere...
topTOP

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.