Panel 2 - persona.umanità@ict&newmedia

c04-txt_peraltaJosé Antonio Peralta
Università di Salta, Argentina


 

Il contributo del Software Libero alla Cultura della Comunione nella Libertà

Sviluppo

La proposta del Software Libero si basa sul riconoscimento del diritto fondamentale a conoscere, usare, creare, programmare, sviluppare, comunicare e condividere software, senza restrizioni. Queste libertà essenziali per una Società della Conoscenza, cooperano nella creazione di una cultura di comunione che favorisca il concretarsi dell'ideale di un mondo unito nella diversità e non nell'uniformità. Si cercherà di discutere brevemente la proposta del software libero ed il suo effetto nell'integrazione di paesi latinoamericani ad un mondo globalizzato che li riconosca come parte protagonista di un nuovo ordine mondiale.

Che cosa è Software Libero? 1

Il Software Libero rispetta la libertà dell'utente. Solitamente abbiamo Software proprietario che toglie la libertà dell'utente, lo mantiene in stato di divisione ed impotenza. Di divisione, perché nessuno ha la possibilità di condividere con gli altri il suo software, e di impotenza perché nessun utente può cambiare il programma né verificare quello che veramente fa. L'utente di Software Libero dispone delle quattro libertà essenziali che definiscono un Software Libero:

  0. libertà di usare il programma come si vuole.

  1. libertà di aiutarti, studiare il codice sorgente e cambiarlo per fare quello che vuoi.

  2. libertà di aiutare il tuo prossimo, libertà di distribuire copie agli altri.

  3. libertà di aiutare a costruire la tua comunità, libertà di pubblicare una versione

cambiata per uso della comunità. Con queste quattro libertà essenziali, il software è libero. Se ne manca qualcuna, allora non si tratta di software libero, e non rispetta abbastanza la libertà dell'utente, e per questo non deve usarsi; perché quello che toglie la libertà non si può accettare.

Perché queste quattro libertà sono essenziali? 2

La libertà 0 è essenziale per avere il controllo di quello che fa il tuo computer. Esistono programmi che distruggono il tuo sistema quando li usi, e così non sei libero, devi potere usarlo come vuoi. Ma la libertà 0 non è sufficiente, poiché solo ti da la libertà di fare quello che il programmatore ha scritto, e questo non è molta libertà. Occorre la libertà di potere cambiare il codice sorgente che è la libertà 1, e che richiede che si disponga del codice sorgente e dei disegni del tuo software. Senza quella libertà non sai veramente quello che fa il tuo computer. Sai che possono esistere funzionalità "maligne" nel programma, che non si sviluppano per servire l'utente bensì per controllarlo, restringerlo, disturbarlo (come la pubblicità non richiesta), cambiare la configurazione del tuo sistema, ecc. Incluso potrebbe esserci una funzionalità di "non funzionare" sotto certe condizioni. O porte posteriori che abilitano accessi non desiderati. O potrebbe succedere che davanti ad una richiesta di aggiornamento, ti si consegni una versione sviluppata specificamente per te, senza che tu lo sappia. Indubbiamente esistono quelli che cercano di scrivere programmi utili, la maggior parte dei programmatori, ma sono soggetti a commettere errori, e questo senza distinguere se si tratta di software libero o proprietario. L'importanza di contare sulla libertà 1 è che non ti sono imposte le decisioni dei programmatori e puoi cambiare il programma, se occorre. Tuttavia, la libertà 1 non basta ancora, perché esistono milioni di utenti che non sanno programmare, o perfino, non tutti i programmatori hanno la capacità tecnica di modificare qualunque programma, o è troppo lavoro per uno da solo. Perciò, per avere veramente il controllo, dobbiamo poter farlo in comunità, farlo insieme.
Perciò, la libertà 3 deriva dall'aiutare a costruire una comunità. Così, un programmatore pubblica il suo cambiamento ed altri possono farlo nella stessa direzione, disposti a risolvere un problema o una necessità che si è condivisa, e alla fine avremo un grande progresso grazie alla collaborazione di molti programmatori. La migliore testimonianza di questa idea è l'attuale livello di sviluppo di Internet. D'altra parte, se esistono milioni di utenti, almeno alcuni sapranno programmare, o per lo meno, potranno cooperare nella conformazione di organizzazioni che gestiscano la contrattazione dei programmatori adeguati. Molte persone apportando un po' di denaro, danno all'organizzazione la capacità di scegliere in un mercato libero. Il mercato del software privato è monopolista, perché puoi contrattare modifiche del programma soltanto al tuo fornitore di licenza, ed al costo da lui stabilito, e nelle condizioni che egli voglia importi. A volte si confonde libertà con possibilità di scegliere solo tra alcune opzioni private: hai la capacità di scegliere chi sarà il "tuo signore" in tecnologia software, il che non fa parte per niente della categoria di libertà.

Una questione etica

Così, le libertà 0, 1 e 3 ti danno la capacità di decidere che cosa farà il tuo computer.
Ma la libertà 2 è necessaria per un'altra ragione ancora più essenziale: per vivere una vita etica. Se adoperi software senza la libertà 2, che consiste nella capacità di condividere copie del software, ti trovi di fronte all'alternativa di non potere aiutare il tuo prossimo. Così ti trovi di fronte ad un dilemma morale quando qualcuno ti sollecita aiuto, ad es. in provvedere una copia del software che necessita: o gli consegni una copia e violi il contratto di licenza che te lo proibisce, o non gli consegni una copia e non l'aiuti. Cioè, devi scegliere tra il male minore,che consiste nel consegnargli una copia e rompere un contratto che non merita di essere corrisposto.
Comunque ancora stai distribuendo, anche se forzando la tua licenza, copie di software
proprietario.
Per vivere una vita etica, devi evitare i due mali. Dobbiamo evitare l'uso di programmi
proprietari e respingere i programmi che proibiscano di condividere col tuo prossimo.
Quando istituzioni pubbliche poderose esprimono che è cattivo condividere copie di software, e persino lo chiamano "pirateria" che è molto brutto, stanno stabilendo una valutazione contraria all'atto di collaborare col tuo prossimo, quello che in realtà è un gesto ammirabile.
Quanto terrore sarà necessario per evitare che gli uomini cooperino col loro prossimo?
Vogliamo vivere così?

Comunione nella libertà

Abbiamo definito già il software libero. Ma rimangono ancora alcuni chiarimenti necessari per esprimere totalmente l'ideologia sottostante nella filosofia del software libero. Alcuni valori tecnologici, potrebbero dirsi superficiali, tali come affidabilità, potenzia, gratuità, possono confondere le ragioni per le quali alcuni pensano a favore o non della proposta del software libero. Questi sono valori ragionevoli ma non la cosa più importante. Le conseguenze dirette della prospettiva del software libero sono la libertà e la comunione, la capacità di decidere che cosa voglio e spero del mio computer e la capacità di costruire una comunità, cooperare, aiutare, realizzarmi accanto all'altro, al mio prossimo. Non si deve pensare solo in termini pragmatici: "il software libero mi conviene perché mi evito il costo di licenze..", ma si deve insistere sulla costruzione di una cultura di comunione nella libertà. Se non si pensa a ciò, è molto facile cambiare questi valori con comodità o superficialità. Devono valutarsi correttamente queste categorie di libertà e comunità per respingere altre offerte che li mettano in pericolo. La libertà non si mantiene mai automaticamente, ed i nostri paesi dell'America Latina sanno particolarmente di questo. Così pure, la comunione implica un senso di appartenenza, valore del quale i nostri popoli, ancora sottosviluppati, hanno saputo dare testimonianza permanente.

Conseguenze nel campo economico

Il Software Libero permette di costruire un'economia solidale che operi con il concetto della prestazione di servizi e dove le entrate si corrispondono direttamente con le ore di lavoro effettivo e non coi diritti, potenzialmente infiniti, dello sfruttamento commerciale di una licenza di software. Detta economia è di scala multipla: in lei ci sono le grandi corporazioni internazionali per progetti di grandi dimensioni e le imprese unipersonali che prestano servizi ad individui; tutti i punti intermedi sono validi. Questo contrasta in maniera notevole con lo schema delle poche multinazionali attuali del soft che si costituiscono in collettori di tasse in tutto il mondo per l'uso dei suoi programmi in ogni PC, sotto il potere della polizia dello Stato e la protezione legale delle restrizioni di copia (Copy-restrictions). L'accesso al codice fonte, liberamente visibile e modificabile, permette di costruire una cultura della cooperazione dove tutti partecipano e contribuiscono, nella misura delle sue possibilità e necessità, alla costruzione di un patrimonio di conoscenza universale che continua a crescere, come un edificio a partire dalle sue fondamenta. Non ci sono architetti centrali, oltre quello accettato da tutti, poiché è semplice e sta ben visto farlo, creare programmi nuovi a partire da progetti con i quali non si è d'accordo. Questo gioco di consenso e dissenso accettato, è il motore del cambiamento. Se le idee fossero beni economici, il valore totale del Software Libero prodotto nel pianeta seria grandioso.

Casi di uso in America Latina ed i Caraibi

America Latina ed i Caraibi sono una regione consumatrice di tecnologia, già sia importata da altre parti del mondo o prodotta localmente per sussidiarie di compagnie straniere. A partire dai processi di privatizzazione e deregolamentazione delle telecomunicazioni, anche questi servizi sono dominati da giganti globali. La maggioranza del software proprietario leader nel mercato è stato tradotto allo spagnolo e portoghese, alla ricerca di un crescente mercato di software imballato che cresce un 18 % annuale.3
Nonostante questo, con la crescente importanza delle tecnologie in America Latina ed i Caraibi, solo una ridotta porzione della popolazione ha accesso a queste, e può assicurarsi che un numero molto minore ha possibilità reali di appropriarsi della tecnologia per spingere lo sviluppo economico e sociale. Davanti a queste condizioni, il Software Libero si incomincia a profilare nelle economie latinoamericane come una possibilità di partecipare attivamente al nuovo mercato, determinato dagli sviluppi tecnologici e la capacità di innovazione, piú in lá di trasformarsi in fonte di manodopera economica per industrie di paesi sviluppati. America Latina ed i Caraibi hanno già un'estesa esperienza di collaborazione in progetti globali e progetti locali di Software Libero. Alcuni studi segnalano che del totale di utenti di Linux nel mondo, approssimativamente un 5 % è concentrato in paesi dell'America Latina, specificamente in Brasile, Messico, Cile ed Argentina. In Agosto del 2003 si è fatta a Cuzco, Perù, la Prima Conferenza Latinoamericana e dei Caraibi su Uso e Sviluppo di Software Libero. La dichiarazione finale della conferenza evidenzia l'urgenza di diversi settori per incominciare a considerare il software libero come parte integrale della costruzione della società di informazione e la conoscenza, e come una priorità nel disegno di politiche di sviluppo. Le esperienze di uso del Software Libero nella regione raggiungono il settore accademico, governi, imprese private, organizzazioni civili, e la conformazione di gruppi di utenti come comunità. La maggioranza dei paesi dispongono di iniziative legislative indirizzate ad approvare leggi che priorizzino l'uso del software libero in applicazioni di governo, basate nella necessità di assicurare ai paesi in sviluppo di indipendenza tecnologica, riduzione di costi, appropriazione della conoscenza, in maniera tale che la tecnologia sia capace di sostenere il patrimonio culturale dei paesi, oltre il suo potenziale di mercato, assicurando che la conoscenza della comunità rimarrà nelle sue proprie mani, senza restrizioni arbitrarie. Il caso del Brasile è una delle esperienze più documentate ed in una delle tappe più avanzate di incorporazione di alternative tecnologiche libere. Il Brasile ha una politica direttamente indirizzata ad utilizzare Software Libero di forma preferenziale in tutte le aree del governo. È il primo potere esecutivo a livello mondiale in portare a termine un uso massiccio di Software Libero nell'amministrazione pubblica. In Brasile, l'industria informatica muove più di 3.000 milioni di dollari all'anno, dei quali approssimativamente 1.000 finiscono negli Stati Uniti a titolo di licenze di software. Il Governo di "Lula" scommette sulla creazione di un tessuto locale di imprese che offrano soluzioni e servizi in Software Libero, per fomentare, così, lo sviluppo locale e svincolare l'investimento pubblico delle grandi multinazionali. Lo Stato di Rio Grande do Sul in Brasile è un altro esempio notevole: con una legge statale a beneficio dell'utilizzo di software libero ed un'esperienza di migrazione delle sue scuole, università e la banca statale, con più di tre milioni e mezzo di clienti. Il Sistema Nazionale e-Messico è un progetto nazionale di tecnologia il cui obiettivo è eliminare le barriere che attualmente esistono per ottenere informazione e servizi pubblici. Questo progetto cerca anche ridurre gli spacchi tecnologiche all'interno del paese e tra la popolazione messicana col resto del mondo. Col progetto e-Messico, il governo messicano vuole trasformare il paese attraverso l'applicazione di tecnologia moderna e l'interconnessione di commerci, allacciando la comunicazione tra i dipartimenti governativi ed iniziando una riforma di educazione per creare un Messico digitale ed inaugurare una nuova era. Il progetto ha mobilitato profondamente le migliori espressioni participativas della comunità del Software Libero, poiché è logico pensare che un progetto come questo, tanto più se è pensato per beneficare il paese, meriti essere sviluppato per tecnologia e manodopera locale qualificata e che la proprietà intellettuale e la conoscenza tecnica dei sistemi sviluppati appartengano alla nazione e pertanto ai messicani e non a corporazioni od organizzazioni straniere. Il governo dell'Argentina ha dedicato un gruppo inter-istituzionale specifico per lo studio del Software Libero nello Stato.
L'Argentina conta su iniziative legislative in pro del Software Libero come con progetti a livello di ministeri, municipalità ed istituzioni provinciali. La Colombia ha alcuni iniziative in istituti distrettuali, la Difesa del Paese, la Presidenza della Repubblica e Ministeri. Cuba ha implementato con buon esito vari progetti statali, tra essi la rete di salute Infomed. Ugualmente il Perù ha alcuni progetti di salute pubblica ed un celebre progetto di legge in favore del software libero che potrebbe trasformarsi in un appuntamento obbligato nella letteratura su Software Libero nella regione, specialmente per la risposta che generò di Microsoft e gli argomenti utilizzati per la risposta. In Cile ci sono anche varie esperienze di uso di software libero in Dogane, imprese di elettricità e combustibili ed altri. C'è una legislazione pendente al riguardo in paesi come Uruguay e Costa Rica, dove si sono incominciati progetti a minore scala. Alcuni paesi, tali come Venezuela, hanno incluso il Software Libero nella sua strategia di governo digitale.

Conclusioni

La proposta del Software Libero offre ai paesi sottosviluppati la possibilità di appropriarsi di conoscenza, come strada effettiva di integrazione nel mondo globalizzato, propiziando che ognuno sia costruttore delle soluzioni tecnologiche che gli occorrono. Ma richiede un tipo di uomo capace di esercitare il dono , la copartecipazione nell'esercizio della crescita sociale. Può considerarsi un'espressione particolare di una cultura nuova che esprime una visione dell'uomo e della società all'altezza di un mondo più equo. Propiziare Software Libero richiede un tipo di uomo aperto alla comunione, alla relazione con l'Assoluto-Dio, con gli altri, con la natura, che trova la sua realizzazione nel dono di se stesso, del proprio essere, e nella circolazione di beni spirituali, intellettuali o materiali, necessari per lo sviluppo di tutti. Richiede oltre ad una società nuova che capisca la solidarietà e la comproprietà come istrumenti di vincolo tra i suoi membri. America Latina, coerente alla sua identità, è chiamata a raggiungere questi valori, e riprendere la sua posizione responsabile nella costruzione di un mondo migliore.

1 Progetto GNU. "La definizione di Software Libero" Disponibile in http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.html

2 Dr. R. Stallman: Conferenza del 5/8/04 al ricevere la laurea Honoris Causa dell'U.N.Sa. Argentina

3 Fonte: Price Waterhouse Coopers [Brod 2003]


Riferimenti

  . Manifesto di Hipatia http://www.hipatia.info

  . Free Software Foundation. R.M. Stallman. http://www.fsf.org

  . Cessare Brod, Software Libero in America Latina. http://www.brod.com.br/files/helsinki.pdf

  . Democrazia e Dittatura nella Società dell'Informazione. Diego Saravia. Information Technology for all. Bilbao. Feb 2003. Dip. Bizkaia. UE. ONU. http://www.bilbaoit4all.com/castellano/documentacion/pdf_ponencias/Diego%20Saravia %20esp.pdf

  . Progetto Software Libero Brasil: http://www.softwarelivre.org

  . Governo del Brasile promuoverà adozione nazionale di Linux http://www.diarioti.com/gate/n.php?id=4210

  . Governo del Brasile presenta piano per introduzione di Software Libero.  http://noti.hipatia.info/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=1441& mode=thread&order=0&thold=0

  . Economia del Software. Diego Saravia. http://bo.unsa.edu.ar/docacad/softwarelibre/articulos/ecosoft

  . Pirateria, Proprietà Intellettuale, Parole ad evitare, R.M. Stallman http://www.fsf.org/philosophy/words-to-avoid.es.html

  . L'offensiva del Software Libero. P. Wayner. Granica 2001. ISBN 8475778593

  . Ragioni per qui lo Stato deve usare Software Libero - Federico Heinz.  http://www.proposicion.org.ar/doc/razones.html

  . Il Software Libero e le sue prospettive per lo sviluppo in America Latina ed i Caraibi. Legna Zúñiga - Bellanet International Secretariat

  . Progetto e-Mexico-Disponibile in www.e-mexico.gov.mx

  . Umanizzare l'Economia - Luigino Bruni ed altri.

  . Persona e Comunione - Luigino Bruni, Stefano Zamagni, ed altri.

 topTOP

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.