Text Size

varie

di Maristella  Cavallo

La poltrona dell'imperatore

Lise MeitnerUn trono: sul trono, l’uomo ed imperatore Hirohito; sotto, Hiroshima , Nagasaki e tutto il mondo, in fiamme.

Ma a tutt’altro pensava la ragazzina Lise Meitner, che verrà duplicemente derubata dei suoi meriti di scienziata: primo, per un Nobel mancato, senza neppure il riconoscimento morale di quel premio da parte del suo compagno di ricerche; secondo,  perchè con dolore vide i suoi studi  immediatamente applicati a risolvere le brutture della belligeranza umana, che pretende di fare la Storia, la quale è  compluvio delle storie dei singoli.

Per questo non sono entrata  nella stanza-dei-bottoni , ma ho preferito guardare nel cuore di due persone, un uomo ed una donna, le cui esistenze ad un certo punto divergeranno con la 2a Guerra Mondiale ed eleveranno delle trincee: l’ uno contro l’ altra.

Gli storici , per mestiere, sono attenti ai venti di guerra; io – da comune mortale –  mi sono messa in ascolto e fra quelle trincee sentivo soffiare il vento della paura.

E’ tutto quello di cui ho parlato in questo articolo pubblicato su “ Lo Scudo”, il giornale della mia città, a Gennaio 2010. Uso qui i buoni frutti della nostra terra, l’oliva e l’anguria, per dare ai miei concittadini un’idea della fissione nucleare.
Vi prego… non meravigliatevi! Che potevo fare?... E’ dalla bianca Ostuni che io vengo…!

L'articolo