Text Size

una mail di Michele Socci

L' importante era iniziare!

michelesocci.jpgMi chiamo Michele e sto seguendo un corso di regia a Milano. Ho frequentato l'anno scorso la scuola di Intermediando ed è stata un'esperienza molto interessante, che ha creato rapporti collaborativi vivi anche oggi non solo nell'ambito professionale, ma anche in quello personale.

Il video che vi propongo è un "gioco" nato con un mio compagno di classe, con cui quest'anno abbiamo iniziato a lavorare su alcuni set cinematografici. Gli incarichi che ci sono stati assegnati sono stati chiaramente molto umili, tra questi quello del runner, una persona che si occupa di trasportare oggetti (spesso pellicole, o oggettistica varia).

Abbiamo provato a mitizzare un ragazzo che corre in una città, abbiamo cercato di renderlo eroico, per poi far scoprire il suo vero ruolo.

Il montaggio accompagna la corsa come se ci trovassimo in un video-clip, per poi cambiare ritmo di fronte a sequenze che interrompono nettamente la narrazione, scene non collegate tra loro, che acquisiscono un significato solo nel finale.

Abbiamo giocato anche con alcuni generi, come la Soap opera, enfatizzando i loro aspetti drammatici, cercando di creare un gioco con lo spettatore, che cerca di mettere insieme i pezzi della narrazione e di collocare scene decontestualizzate.

Il finale  è un backstage nel backstage, dove non solo scopriamo il valore della "realtà del set" nella narrazione, ma il girato diventa anche retroscena del corto che stiamo girando: una piccola operazione di metacinema.

Il tutto è un esperimento, pecca moltissimo in molteplici aspetti, ma è stata la nostra prima esperienza. Ci rendiamo conto di quanto siamo lontani dal traguardo e di quanto solo in minimissima parte abbiamo concretizzato i nostri propositi, ma l' importante era iniziare!