Text Size

ICT & new media

di Maria Rosa Logozzo

L'università Bocconi ha pubblicato la traduzione italiana di un volume di Yochai Benkler , The wealth of networks (La ricchezza della Rete).benklerlibro1

Riporto un brano dalla presentazione del libro della Bocconi:

"Quando ci guarderemo indietro, tra una decina d’anni, capiremo che quello che stiamo vivendo è un periodo eccezionale, uno di quegli snodi storici in cui si decide il futuro dell’assetto sociale del pianeta.

Quella che si sta creando, spiega Yochai Benkler in La ricchezza della Rete. La produzione sociale trasforma il mercato e aumenta le libertà (con prefazione di Franco Carlini, Università Bocconi editore, 2007, 624 pagine, 34,50 euro), è un’economia dell’informazione in rete, che è entrata in conflitto con la tradizionale economia dell’informazione industriale e promette di trasferire i propri benefici anche agli altri settori. È un sistema di produzione sociale e collaborativa, alternativo sia al mercato, sia allo stato e fondato su motivazioni individuali diverse dalla spinta alla massimizzazione.

La larghissima diffusione e la relativa economicità dei mezzi necessari a produrre informazione, conoscenza e cultura (i computer, il software, le connessioni alla rete) ha liberato la collettività dalla morsa dei monopolisti (privati o pubblici), che dominavano la scena della produzione industriale di informazione, conoscenza e cultura, affiancandovi molteplici fonti alternative.

L’utilizzo dei commons (beni comuni, che tutti possono utilizzare, ma sui quali nessuno può accampare diritti esclusivi), la produzione sociale, lo scambio peer-to-peer, le licenze di copyleft (che autorizzano chiunque a usare la produzione intellettuale altrui, purché lasci agli altri la stessa libertà sui frutti del proprio lavoro) hanno dato vita a fenomeni come il software open source, che ha rivoluzionato l’economia del settore, Wikipedia, l’enciclopedia online creata dagli utenti, o Seti@Home, il più potente computer del mondo, formato in realtà dalla capacità di calcolo inutilizzata di oltre 5 milioni di partecipanti connessi in rete. Hanno anche reso possibile forme di giornalismo e distribuzione dell’informazione non tradizionali, la cui efficacia Benkler documenta attraverso casi davvero avvincenti.

Il risultato netto per il cittadino è una gamma più ampia di scelte realmente differenziate e, di conseguenza, maggiore libertà e maggiori possibilità di partecipazione alla vita sociale e politica. Il passaggio da una sfera pubblica massmediatizzata a una sfera pubblica reticolare è un fattore di democratizzazione."

L'autore ha concesso un'intervista a Raffaele Mastrolonardo, pubblicata sul supplemento del Manifesto Chip&Salsa del 26 aprile 2007, la trovate sul  blog curato da Franco Carlini, intitolata La grande ricchezza delle reti cooperanti.

Vi sono evidenziate tematiche su cui c'è ancora molto da pensare e dialogare senza partiti presi, guardando all'uomo e ai suoi diritti, ma anche al bene comune e al futuro dell'umanità. L'equilibrio tra i due aspetti è una conquista continua di responsabilità. Reti davvero cooperanti - per riprendere il titolo dell'intervista di Mastrolonardo - , con la loro identità specifica e nell'apertura al diverso da sé, potrebbero aiutare questo cammino.