Text Size

di Maria Rosa Logozzo

La 'cartina al tornasole' delle relazioni

Massimo GramelliniIl Buongiorno di Gramellini del 13 febbraio si intitola “Relazioni pericolose”.
Gramellini  nel suo scritto, focalizzato sugli incarichi e i soldi che in Italia per l’ennesima volta si scoprono frutto di relazioni di interesse o parentela più che di meriti professionali, critica l’odierna “mutazione genetica” che vede il prevalere delle pubbliche relazioni su qualsiasi altro fattore: “un sistema in cui le persone che ricoprono ruoli di responsabilità dedicano le migliori energie alle relazioni invece che ai prodotti è superficiale e mediocre: due aggettivi che ben si adattano, purtroppo, alla civiltà dei consumi.

Ma la relazionalità non è un valore, un bene per l’uomo? Eccola che pare mutata in disvalore. Esisterà una cartina al tornasole che ci permetta di distinguere, in un comportamento apparentemente uguale, la bontà o meno della sua natura intrinseca?

In una carriera professionale, informatica ad esempio, capita di partire dallo smanettare sulle macchine e di finire a coordinare gruppi di progetto, proprio dedicando le migliori energie a gestire relazioni. Ad una tale mutazione però, che è una maturazione, non si addicono gli aggettivi  “superficiale e mediocre” che Gramellini usa.

Personalmente mi è capitato più e più volte, davanti ad un problema concreto e apparentemente senza soluzione, di spostare per un momento l’obiettivo dal problema alla relazione con chi stava affrontando insieme a me l’ostacolo. Curando la qualità della relazione, si è usciti vincenti dal caso, insieme, per qualche “lampadina” che solo collaborando si è accesa. Anche in questo caso la relazionalità è stata un bene.

E torna la domanda: c'è una cartina al tornasole?
Gramellini : “Saper trattare col prossimo è sempre stata una qualità importante. Ma adesso è diventata pressoché esclusiva (…) perché chiunque voglia migliorare la propria posizione deve diventare venditore: di se stesso”.

Mi pare che la cartina al tornasole sia una domanda: "Qual è l’interesse?"

Chi cerca di vendere bene sé stesso per migliorare la  propria posizione, per far carriera  (ma che gliene importa degli altri?), arriverà magari ad essere ammirato e applaudito, arriverà a stare tra quelli che hanno amici che contano. La società (che siamo tutti noi) lo invidierà, lo imiterà, lo vedrà come il benefattore di turno e gli si affiderà. Ma la nostra società rischierà di non crescere se non ci cureremo di sapere da dove ci arrivano i benefici e in che modo siano stati ottenuti. Rinunciando all'intelligenza e alla preveggenza a lungo termine rischierà di restare “superficiale e mediocre”. Ecco il consumismo, l'odierno consumare un presente senza futuro e senza storia.

Stando così le cose, che speranza abbiamo? Anche se è in relazione con gli altri che l'uomo cresce, di sicuro non abbiamo nessuna speranza di 'salire di livello' tramite relazioni interessate. Ci vuole quell'energia sempre più rara che è la gratuità. E la gratuità non sta nel sapersi vendere bene, ma nel sapersi donare bene. La gratuità, cammino di avvicinamento progressivo nel quotidiano e méta mai raggiunta, attiva energie sopite sia sul piano intellettuale che su quello pratico. Essa “apre” orizzonti di senso ai valori e a méte apparentemente utopiche che, pur ben radicate nel presente, lo trascendono. Solo nel recupero della gratuità risiede la speranza di operare per un bene comune senza interessi di parte.