Text Size

(...)la precipitazione della parola è sempre da mettere in rapporto con il desiderio impaziente di chiudere nel presente il cerchio del tempo; di interrompere l'attesa, dunque, la quale per sua natura chiede di tener aperto il presente sul tempo che ancora deve venire.

Giuseppe Angelini