Text Size

varie

di Michele Zanzucchi

I blogger iraniani

I giornalisti stranieri sono stati espulsi o invitati caldamente a lasciare il suolo iraniano in seguito alle proteste dei sostenitori del candidato alla presidenza Mussavi. Con un funesto strascico di morti, feriti e arresti.

La polveriera iraniana fatica a ritrovare la calma e il presidente eletto (secondo la guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei), Mahmud Ahmadinejad, accusa Gran Bretagna e Stati Uniti, e più in generale i Paesi occidentali, di aver ispirato, finanziato e fomentato le rivolte.

Informazione finita con le espulsioni? Mai come in quest’occasione è apparso evidente come l’avvento della tecnologia digitale e di Internet abbia radicalmente rivoluzionato non solo il mondo della comunicazione interpersonale, nemmeno solo quello della comunicazione mediatica, ma anche quello della stessa informazione.

I blogger, con le loro cronache, le loro foto e i loro video ripresi coi telefonini, che nella folla si alzano mille e mille volte, hanno trasmesso sul web – e continuano a farlo, nonostante intimidazioni ed oscuramenti – i sentimenti della piazza di Teheran e delle altre principali città iraniane.

E’ certo un’informazione frammentata, puntuale, che difetta di una visone globale degli avvenimenti, che pecca di esaustività: che ne sappiamo del sentire della maggioranza della popolazione che, comunque, sembra essere dalla parte di Ahmadinejad?
Che ne sappiamo delle lotte di potere che periodicamente colpiscono le diverse anime del regime iraniano?
Che ne sappiamo dei brogli e delle corruzioni che invadono tutto l’ambito politico iraniano, e non solo quello dell’attuale presidente, che anzi sembra meno corrotto di tanti altri pretendenti al potere?

Tutto ciò è molto difficile saperlo e ancor più difficile analizzarlo, già con la presenza sul posto di uno stuolo di giornalisti professionisti: figuriamoci di fronte ad un mosaico frammentato e frammentario di blogger.

Appunto, serve pazienza. Serve aspettare che la trama del mosaico, composto dai singoli tasselli, dai singoli blogger, lasci intravedere il disegno della realtà. Allora, forse, si capirà qualcosa.