Text Size

di Maria Rosa Logozzo

Un nuovo 'miracolo nella foresta'

coll_fontem_picE’ successo oggi alle 10, 26 minuti e 40 secondi.
Stavo lavorando quand’ecco che sulla chat Skype compare un messaggio: “ciao MRosa”.
Chi è? Cesare Borin dall’ospedale di Fontem, in piena foresta camerunense!

L’emozione è stata grande. Un pezzo di mondo tagliato fuori da sempre, ora si riagganciava al resto, ora poteva cominciare a far sentire la sua voce!

 

Dopo la chat testuale abbiamo attivato le telecamere, ci siamo salutati, abbiamo fatto festa a distanza, ci siamo raccontati com’è stato e poi laggiù hanno girato la telecamera per farci vedere i fiori rossi nel cortile dell’ospedale.
Internet nella foresta! Un giorno su Fontem era stato girato un documentario dal titolo “Un miracolo nella foresta”, oggi ci è parso ne fosse accaduto un altro di “miracolo nella foresta”.

 

Erano partiti in 5 dall’Europa per realizzare questo sogno, le difficoltà non erano mancate nei giorni scorsi e di lavoro sulle spalle ne hanno ancora tanto per distribuire il segnale sul territorio circostante, nelle scuole, in alcuni posti pubblici e laddove possa essere più utile. Stanno anche tenendo corsi di addestramento all'uso per gli studenti del posto.

Ma pensate un attimo cosa possa significare tutto ciò per chi abita la zona: contatto con i parenti lontani, istruzione e medicina a distanza, possibilità di allerta per stati di necessità, magari lavoro a distanza… forse la popolazione locale espatrierà di meno… e tanto altro.

Si è aperta una strada elettronica nella foresta, quasi un’autostrada visto che l’Agenzia Spaziale Europea ha reso disponibile una buona capacità satellitare, dove ci condurrà?
Ringraziamo tutti, in particolare quanti hanno concorso al progetto Digital Bridge in Camerun , e continuiamo intenzionalmente a percorrerle con amore e speranza queste strade su Internet, perché siano foriere di interazioni costruttive e di soluzioni efficaci verso un bene comune. 

Ecco un breve video girato sul momento, senza audio perché usavamo una cuffia con microfono, ma le immagini testimoniano