Text Size

inviato da Maria Amata Calò

L'arte di Marko Ivan Rupnik

altIl Centro Aletti - Pontificio Istituto Orientale
è lieto di invitarLa
alla presentazione del film documentario (35')

Il colore dell'amore

L'arte di Marko I. Rupnik e del suo atelier
Interverranno: Marko Ivan Rupnik, Maria Amata Calò (regista), Aurelio Mole (sceneggiatore), Franco Scaglia (Presidente di Rai Cinema)
Martedì 16 dicembre alle ore 20 - Casa del Cinema

proiezione in HD


Conferma necessaria entro il 12 dicembre: 06 4824588 oppure info.lipa @ lipaonline.org
(largo Marcello Mastroianni, 1 - metropolitana linea A, parcheggio Villa Borghese, autobus 490-491-495-C3-88-95-116)



IL COLORE DELL’AMORE
L’arte di Marko Ivan Rupnik e del suo atelier

Regia: MARIA AMATA CALÒ
Scritto da: AURELIO MOLÈ
Direttore della fotografia: EDWARD ROY
Musica originale: JUAN MARTIN ETCHEVERRY
Musica di repertorio: MARCO FRISINA, Lux Vide S.p.A, Laus Ed. Musicali S.r.l., Multimedia San Paolo.
Montaggio: LORENZO GIOVANETTI

Dal muro bianco alla realizzazione finale di un mosaico. Memoria, paesaggi, silenzio, carbone, ricordi, materia. In un linguaggio quasi poetico, fatto di assonanze e simboli, Marko Ivan Rupnik ci conduce nella sua percorso artistica, spirituale, biografico.
In questo film documentario Marko Ivan Rupnik, artista che ha realizzato grandiosi mosaici per Lourdes, Fatima, il Vaticano e altre chiese nel mondo, racconta in prima persona cosa lo spinge a creare un'opera d'arte.
Nato in Slovenia ha conosciuto attraverso i racconti del padre il dramma dell’uccisione nelle foibe di migliaia di sloveni, croati, serbi e altre popolazioni che al termine della seconda guerra mondiale si opponevano al potere e al totalitarismo di Tito. Oggi con le sue opere artistiche sente di voler dar voce a chi non ha voce, a chi si muove nel buio e si sente smarrito, a chi vive nell’inquietudine e si pone le grandi domande della vita.
Perché il male? Perché si muore ingiustamente? Che significato ha il dolore?
L’artista per Rupnik è come una luce, che illumina la strada da seguire per uscire dal buio. E la via che ci indica quest’artista è quella cristiana, di un Dio che è morto per liberarci dal peccato.
La narrazione procede per accumulazione di colori, ricordi, poesie, incontri, tradizioni senza curarsi dell’incoerenza degli effetti ottenuti. Nel gioco delle immagini si entra nell’animo dell’artista, nella sua profonda umanità e si ha l’impressione di capire un mosaico, di farvi parte e di entrare nell’unità della conoscenza e della vita.


album: click sulla foto per ingrandirla

per sfogliare l'album: clik sull'area destra della foto per andare avanti, click sull'area sinistra per tornare indietro.

{gallery}mariaamatacalo{/gallery}