Text Size

segnalato da Vittoria Solomita

Incontri per raccontare un mondo dimenticato 

Il 4 giugnoLa questione delle armi” sarà il tema al centro del dibattito presso il Centro Culturale Salesiano di Roma, a partire dalle ore 20, in viale dei salesiani 17.

Il nostro paese è tra i maggiori esportatori di armamenti all’estero, in particolare nei paesi del Sud del Mondo. Il Governo, nel 2008, ha rilasciato autorizzazioni definitive alla vendita per oltre 3 miliardi di euro.Un enorme giro d’affari che contribuisce ad insanguinare paesi già stremati da guerre e povertà, che vede il coinvolgimento di aziende, esportatori e banche che ne finanziano le attività.

La serata fa parte di un ciclo di incontri proposti dall’associazione Pizzicarms e dal Centro Culturale Salesiano, in collaborazione con Radio Meridiano 12, per approfondire alcune tra le realtà più drammatiche del pianeta. Un’occasione unica per confrontarsi con esperti e testimoni diretti di quelle crisi quotidiane che, a volte per lontananza geografica, a volte per disinteresse, rimangono inascoltate.

Dopo il successo della serata d’apertura il 7 maggio scorso, nella quale si è parlato di bambini soldato, Da un’altra prospettiva torna con un argomento che tocca la società civile italiana più di quanto non se ne abbia percezione. Un dibattito per conoscere numeri, nomi e protagonisti dell’export di armi: una realtà nella quale, spesso inconsapevolmente, siamo comunque coinvolti.

Ne parleremo con Riccardo Troisi, della Rete Italiana Disarmo, e con Luca Kocci, giornalista di Adista che da anni si occupa di pace, guerra ed armi. Partecipa all’incontro Giuseppe Carrisi, giornalista di RAI International da anni impegnato alla sensibilizzazione sul tema.

Gli incontri continuano il 18 giugno, prima della pausa estiva, con il tema “La tratta dei migranti”. Alla serata parteciperanno Riccardo Biadene, regista del documentario “Come un uomo sulla terra”, sulle brutali modalità con cui la Libia sta controllando i flussi migratori; e Dagmawi Yimer, migrante. E’ prevista la proiezione del documentario.

Comunicato stampa