Text Size

ICT & new media

Panel 2 - persona.umanità@ict&newmedia
c04-txt_garofaloGianni Garofalo
ESA



ICT e sviluppo: il progetto Media Space

Sono stato molto colpito dalla presentazione del prof. Meo perché credo che abbia sintetizzato l'arco delle problematiche che ci sono oggi, che si sono aperte oggi nel nostro settore, mettendo anche in evidenza quali siano gli impatti appunto sullo sviluppo presente e futuro. Credo che su queste problematiche stiamo solo adesso iniziando a riflettere e che sicuramente ci vorrà il contributo di tutti anche solo per cominciare a rendersi conto di qual è l'ampiezza di questi problemi e di qual è l'impatto che una giusta soluzione di questi aspetti può avere sul futuro dell'umanità.

Il progetto che presento si inserisce in questo quadro, nel senso che, mentre la presentazione del prof. Meo, a mio avviso, è un punto di partenza e anche di arrivo, adesso si tratta di capire come arrivarci. E per capire come arrivarci bisogna capire che tipo di modello adottare per far sì che questa trasformazione, questo cammino possa essere fatto in maniera realistica e con degli impatti che via via diventino sempre più visibili e si arrivi ad un convincimento collettivo per cui sarà ovvio che il free software è l'unica soluzione.

c04-txt_garofalo_01Io mi sto occupando in questo periodo, anche in collaborazione con l'UNESCO, di questi temi che riguardano un po' cosa ha a che fare l'ICT con lo sviluppo . E credo che, un argomento importante sia quello di capire quale modello seguire . Perché non c'è oggi un modello a causa di com'è strutturato oggi il mondo in cui ci muoviamo, che è un mondo capitalista con delle grosse multinazionali che ovviamente hanno le loro regole. E il mercato attuale è quello che è. Anche il mercato attuale ha delle proprie regole.

Quindi si tratta di capire come muoversi in questo contesto per riuscire a trovare o a sperimentare delle soluzioni che a mano ac04-txt_garofalo_02 mano possano fare emergere un nuovo modello, che evidentemente io credo non possa solo partire dalla tecnologia, è un modello che deve coinvolgere tutte le discipline e credo che, come giustamente ha detto il prof. Meo, la tecnologia in questo caso ha un compito importantissimo, perché la tecnologia va molto più veloce delle altre discipline. Quindi in questo senso noi abbiamo, come tecnologi, un ruolo importante nel senso di offrire degli esempi e, in certo senso, stimolare le altre discipline, a dialogare con noi per cercare di arrivare tutti insieme a risolvere il problema, in maniera che sia poi una risoluzione pacifica, che sia un passo avanti per tutti.