Text Size

ICT & new media

Panel 2 - persona.umanità@ict&newmedia 

c04-txt_pimentel

Mauricio Pimentel
UniFMU, Brasile

 

   

Prima di cominciare ad affrontare specificatamente il mc04-txt-ict_pimentel_01io tema, mi piacerebbe ricordare alcune parole che si sono ripetute ieri e oggi.
Oggi abbiamo parlato dell'impatto, dell'uso della tecnologia e dell'impatto sulle popolazioni, abbiamo ripetutamente sentito parlare di collaborazione, di condivisione, di solidarietà, abbiamo sentito parlare di valorizzazione e sviluppo dell'essere umano, abbiamo sentito parlare di impatto sociale, abbiamo sentito parlare di unità, abbiamo sentito parlare di libertà. E' con questi valori che io desidero illustrare a voi tutti che cosa è che è stato fatto, come piccoli esempi, coll'uso dell'ICT in Brasile, il Paese di cui sono orgoglioso e da cui vengo.

Un grande problema del Brasile oggi è quello che c04-txt-ict_pimentel_02si chiama esclusione sociale. Che cosa è l'esclusione sociale? L'esclusione non è altro che proibire o dare condizioni non degne di accesso, di convivenza , di salute e... infine di partecipazione nella nazione, nel Paese, nella città, nel campo civile. In questo senso esistono varie ragioni che portano il cittadino ad essere escluso dalla sua società, tra le quali: necessità speciali fisiche, o psichiche, povertà, mancanza di cultura, conoscenza e formazione professionale. Quello che ci preoccupa grandemente è come includere la popolazione che è ancora esclusa. E che cosa significa includere e che cosa si può fare per includere? Includere significa aggregare ai valori personali. Ciascuno ha il suo proprio valore e quando è escluso egli ‘tira ' dalla società quei valori che ha e che domina. Significa entrare nella partecipazione e nella convivenza. Significa che ciascun individuo ha il diritto e il dovere di convivere nella società e di partecipare alle decisioni che la società prende. Significa chiamarlo nuovamente ad esser responsabile del suo meglio, dire che egli ha diritto di partecipazione e obblighi dentro al gruppo in cui si pensa che debba convivere. Significa dare opportunità proporzionate e garantire la possibilità di realizzazione dei suoi sogni, dei suoi doveri, e delle sue realizzazioni.

Possiamo parlare di inclusione sotto diverse ottiche: c04-txt-ict_pimentel_03economica, sanitaria, ma io ho colto tre punti che mi sembrerebbero particolari in quanto sono alla base di tutte le altre inclusioni possibili, sarebbero: inclusione educativa, inclusione nella cittadinanza e inclusione sociale.
Considero l'inclusione sociale come la possibilità di convivenza sociale e culturale e la valorizzazione del gruppo, della società o del posto dove si convive.
Considero l'inclusione nella cittadinanza come l'accesso ai servizi pubblici, ai benefici pubblici, al diritto di parola, di partecipazione sociale, politica e comunitaria.
E considero l'inclusione educativa come la possibilità di avere una formazione professionale e una formazione personale con qualità e dignità.