Text Size

Rubriche

di Thomas Klann

Una foto è come un racconto dell'essenziale

 

La Chiesa delle tre vele a Roma (Dives in Misericordiae) - foto di Annette Löw

(clicca per ingrandire)

Tempo fa, ho mostrato alcune foto di architetture, anche di chiese.
Vorrei continuare questa serie con una foto, fatta da Annette Löw, architetto, che si è trovata “nel posto giusto al momento giusto”. Non avendo una macchina fotografica, l'autrice ha usato, come capita spesso oggi, un telefonino.
Chi ha letto altri miei commenti, sa quanto batto sul fatto che non è il mezzo meccanico a fare la foto ma è la nostra capacità di vedere e saper isolare la cosa essenziale per mostrarla ad altri dal proprio punto di vista

Leggi tutto...





di Thomas Klann

Addio all'inverno

 

Il limite - foto di Donato Ciampi

(clicca per ingrandire)

Volevo mostrare una foto che fosse un saluto all'inverno, e pensavo ad una mia foto panoramica fatta in Svezia, con tanto di neve e giaccio.
Ma quando un amico e collega mi scrive che era a fare qualche giorno di vacanze nelle montagne del suo Trentino proprio per dare un addio all'inverno, e mi allega la foto che vedete, ho pensato di puntare su quella.
Sono rimasto incantato e sorpreso dalla composizione e dalla sua semplicità. Lui ha intitolato la foto: “Il limite”.
Leggi tutto...





di Thomas Klann

Prospettiva dall'alto

 

Santuario di San Vittorino - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Quando un architetto concepisce una sua opera inizia fissandola a due dimensioni su un foglio di carta. Dopo numerosi e dovuti cambiamenti, per presentare il progetto al committente costruisce un modello in tre dimensioni. E lì è possibile, osservando, ad esempio, il modello poggiato su un piano, vedere il bozzetto dall’alto. Quando l’opera è realizzata, sarà difficile guardarla da questa prospettiva ‘aerea’, a meno che non ci si voli sopra.

Leggi tutto...

di Maria Rosa Logozzo

Lasciare che la realtà si riveli

(Video dell'intervento di Thomas Klann nel corso del XX Meeting online del 25 gennaio 2013, con introduzione di Nedo Pozzi)

Sono le foto storiThomasKlannche, interessanti e curiose, a raccontare l'esperienza di fotografia di Thomas Klann, la cui promettente carriera ebbe inizio prima al Museo di Berlino e poi al seguito di Willy Brandt come suo fotografo oltre che amico.

Sono testimonianze di una ricerca che tuttora va avanti, quella di illuminare ogni volto, ogni luogo, ogni piccolo particolare di esistenza con una luce 'bianca' e non 'colorata di suo' affinché tutto sia quello che è e non quello che altri, distorcendone la comunicazione con filtri propri, vorrebbero farne.

Read more: XX Meeting online - Intervento di Thomas Klann

di Eloisa De Felice

Far crescere giovani cittadini europei

(E-nclusion è un progetto europeo a cui NetOne sta partecipando. Di seguito l'articolo pubblicato su Mediapolitika.com)
Celje, Slove-nclusionenia – Per una intera settimana un gruppo internazionale di giovani provenienti da mezza Europa si sono incontrati per lavorare insieme in workshop teorico-pratici di social communication e strategie web. Dichiarato obiettivo: studiare le tecniche e le potenzialità di questi strumenti per il lancio e/o rilancio delle ONG o ONLUS di cui fanno parte nelle loro Nazioni. Ma non solo: cooperazione, dialogo, scambio di know how, attività di confronto con tutor esperti del settore e molto altro, perché i ragazzi/e intervenuti/e potessero acquisire competenze trasversali spendibili anche nel difficile mondo del lavoro.
( Foto su Picasa)

Leggi tutto...

di Maria Rosa Logozzo

Tre parole chiavi per il giornalismo

(L'intervista è stata realizzata via skype il 25 gennaio 2013 e trasmessa nel corso del XX meeting online. In calce all'articolo c'è il link al video)

Ngalula Beatrice KabutaBeatriceKabutakapuakapua è una giovane giornalista italiana che ha frequentato un master di giornalismo internazionale a Cardiff in Galles perché desiderava entrare in un ambito di lavoro più ampio di quello italiano.
Ad Eloisa De Felice che la intervista, racconta questo suo percorso che l'ha portata oggi a vivere a Londra e a lavorare come giornalista fotoreporter freelance per L'Espresso, per Radio France International e per altre testate inglesi.

Tra i suoi temi d'interesse quelli nell'area dello Sviluppo internazionale, le questioni sui diritti umani e i diritti delle donne, specie le donne africane. Interessante la sua risposta a riguardo delle parole che lei ritiene 'chiavi' per il giornalismo.

Read more: In collegamento con Beatrice Kabutakapua

Zenit: una scommessa vincente

(Video e trascrizione dell'intervista di Eloisa De Felice al coordinatore editoriale dell'agenzia Zenit, voce della Chiesa cattolica nel mondo. L'intervista, fatta a piazza S.Pietro in Vaticano il 22 gennaio 2013 è stata trasmessa nel corso del Meeting online del 25 gennaio 2013.)

RacconAntonio Gasparitaci da dove nasce Zenit, qual è l’idea alla sua base.
Zenit è nato 15 anni fa, eravamo due laici e un sacerdote. L’idea era: poter informare, da Roma, di tutto quello che a Roma accadeva per il mondo intero; soprattutto cosa accadeva nei palazzi Vaticani, spiegando, cercando di far capire, quale fosse la voce del Papa, il capo della cristianità.
Quando siamo nati la Santa Sede non aveva neanche una pagina web. Facevamo un servizio quotidiano di 3-4 notizie in spagnolo che spedivamo a 400 colleghi giornalisti. Oggi, a 15 anni di distanza, abbiamo sette edizioni in: italiano, inglese, francese, tedesco, portoghese, spagnolo e arabo.
Usciamo ogni giorno della settimana, con una media di 80 - 100 articoli al giorno. Si tratta di una crescita impressionante non solo in quantità e qualità, anche dell’approccio all’informazione.

Read more: Intervista ad Antonio Gaspari

More Articles...

  1. Ciclo "La cultura ci rende liberi"
  2. XX Meeting online
  3. Vota lo spot!
  4. A Brescia si conclude Spot si gira!
  5. Zenit dà notizia del Meeting Online
  6. 19° Meeting online - Valter Hugo Muniz
  7. Lettera aperta a UNO Mattina
  8. NetOne a LoppianoLab 2012
  9. Appuntamento a Bari il 19 settembre
  10. Semplificazioni e scontro di posizioni
  11. Cena solidale a Cassinetta Di Lugagnano (MI)
  12. La Mafalda di Quino
  13. La sfida della comunicazione
  14. Diffusione di un meme
  15. Un giornale fatto in carcere

sottolineature

L’obiettivo del perdono cristiano non è dimenticare, ma è togliere il male che ha provocato sofferenza: anzi, andare alle radici di questo male perché non si ripeta più.
P.Giordano Muraro

News&You - Brochure

 

BrochureN_Y

english    italiano

Grazie a Starkmacher di questo lavoro!

Seguici su Facebook

Facebook_p

Utenti online

We have 44 guests and no members online

RSS Syndicator