Text Size

ICT & new media

di Maria Rosa Logozzo

Benedetta questa Internet!

netonechat.jpg

Il 31 maggio scorso per la seconda volta NetOne ha promosso un appuntamento su Internet e quanti c’erano sanno che non sono mancati problemi tecnici.
Nonostante ciò, ritrovarsi è stato uno scoppio di vitalità. I più giovani ci hanno trascinato.
Noi adulti saremmo portati a pensare che il valore della diretta stia solo nei contenuti degli interventi trasmessi. Gli errori tecnici, rendendo imperfetta la ricezione del programma, ci hanno fatto scoprire che c’è un altro valore primario: la possibilità stessa di comunicare tra noi.

Ho ripensato a quanto ci aveva detto Giancarlo Livraghi in una intervista di quattro anni fa:

La rete è un sistema biologico anche perché, prima di tutto, è fatta di persone. La struttura portante sono i rapporti fra persone, non le macchine. Se lasciassimo tutte le macchine che ci sono e togliessimo le persone la rete sparirebbe, non ci sarebbe più. Se togliessimo tutte le macchine e lasciassimo le persone, s'inventerebbero qualcosa e rifarebbero la rete. La rete sono le persone. E sono le persone che hanno, ognuno un po' a modo suo, scoperto che possono interagire fra di loro, da uno a uno, in gruppi, gruppetti, forum, liste, ecc... ambienti e comunità grandi, piccole, piccolissime... è molto importante il piccolo.

Finché ci si limita a seguire un programma come si fa davanti alla TV, incamerando dei contenuti anche belli, non si conoscono ancora le potenzialità della rete.
Cosa c’è stato di nuovo sabato 31 maggio? Si è inaspettatamente animata una chat tra amici sparsi nel mondo. Una chat che non era solo una eco al susseguirsi del programma, ma che è divenuta tessuto sociale, ambiente dell’evento.

“Continua a sentirsi male l'audio”
“fa niente, facciamo più attenzione”
“dev'essere una cosa di mixer...”
“sta migliorando”
“vediamo anche l'Argentina!”
“e la traduzione?”
“arriva ora”
“Como si chiama la giornalista argentina che parla? Repete il nome di lei. Grazie”
“Gracias Laura!”
“forse è meglio mandare i video a schermo intero quando ci sono”
“doppio click sul video e diventa full screen ;)”
“Qui a Rio di Janeiro (Brasile) si vede bene ma non si sente”
“molto bella questa iniziativa”
“Bemvindo Rocco :)”
“escutamos muito bem”
“ciao Mariana sono Vanu' di Bahia ..ora in Africa”
“Oi andre, a Gei, eh a Geisa Barra de Belem”
“Elvis dai dai de tras voce tambem”
“OK, anche su Ubuntu Linux!”
“Grazie mariana, e anche Alvis e Aline che erano nascosti dietro”
“Ma quanti sono gli aderenti a questo movimento?”
“tantissimi”
“ciao maria chiara!! ciao ciao da tutto poggio mirteto!!”
“qualcuno qui andra a intermediando?”
“io siiiii”
“vi invidio.. io non riesco :( ”
“cosa studi Matteo?”
“Comunicazione, Mariana... mi sto laureando”
“l'audio e' in ritardo”
“alle volta capita questo in skype”
“non si sente Riccardo”
“È stato molto bello sentirvi, le esperienze sono super!”
“vi sto seguendo da Roma. esperimento perfettamente riuscito... e non solo da un punto di vista tecnico...”
“e davvero bello e nuovo tutto questo”
“NetOne il luogo dell’incontro planetario”
“GRAZIE TANTOOOOO, non vi preoccupate degli inconvenienti, la prox volta sarà meglio :)” “continuate così!”
“grazie e' la prima volta che ci colleghiamo dall'Africa!”(dar-es-salaam )
“suggerisco di inviare in streaming su internet anche tutti i prossimi incontri di Net One”
“sì è una buona idea :) la prossima volta ci saranno sicuramente meno inconvenienti :)”
“Un abrazo a todos y muchas gracias! Por las ideas y por el esfuerzo técnico para comunicarnos. Se hace evidente la tecnología como medio para fomentar la reciprosidad.. Gracias a todos!”
“ciao anche da cuneo, siamo in mezzo all'acqua ma siamo collegati ugualmente”
“Saluti Nedo e a tutti li al gruppo base”
“sempre insieme”
“Un'abbraccio da Elvis a Diego”
“Grazie per il coraggio di mettere insieme questo incontro usando la technologia per creare la famiglia con tutto il mondo! Alla prossima volta!”
“Ciaaaaaaaaaaaaaao”
“salutate Elena, la ginnasta”

Già questi pochi stralci, rendono bene l’aria che tirava.

Ma basta essere in chat o utilizzare qualche altro strumento di rete sociale perché sia così? Basta collegare le persone? Non direi.
Cosa ha fatto scattare una chat così? Me lo sono chiesta giorno 31. Ogni comunità virtuale ha  bisogno di un qualcosa di comune che la faccia tale. Quale era il nostro? Tanti dei collegati condividevano uno sguardo propositivo sulla comunicazione, basato sull’impegno ad amare ogni uomo. Forse era questo il tocco in più della nostra chat, e siamo stati bene insieme.

Ecco perché metterei la mano sul fuoco che saremo di più all’appuntamento prossimo e che comunicheremo di più: ce n'è venuta voglia!
Qualcuno ha persino scritto: “Potremmo fare una cosa così ogni settimana”.

Non vi viene da benedirla questa Internet? Alla prossima allora, il 26 luglio.