Text Size

di Hanna Koprowska

Scout in visita a Radio Emaus

radiowo_buko_szumy-pIl 12 luglio scorso 22 ragazze appartenenti ad un gruppo scout chiamato 18 Warszawska Drużyna Harcerek "Bukowina" hanno visitato la sede di Radio Emaus a Poznań. Lavorando come giornalista alla radio ed essendo anch'io una scout impegnata, le ho accolte con tutto il cuore!
Tante di loro entravano per la prima volta negli ambienti di una radio, immaginate la curiosità con cui sono arrivate... Le ha molto impressionate vedere come si realizza un servizio dal vivo, con quanta fretta si raccolgono informazioni  20,15,10... secondi prima di andare in onda!
A giugno avevo partecipato al seminario di News&You in Portogallo così ho cercato di trasmettere qualcosa dell'esperienza fatta.

Come prima cosa ci siamo impegnate a raccogliere i comunicati stampa degli ultimi giorni. Quali informazioni principali sono state considerate tali dai giornali più importanti? Come ogni testata ha presentato gli stessi avvenimenti? Cosa sappiamo degli autori e dell'area di pensiero di ciascun giornale? Quali vale la pena leggere? Ognuna di queste domande ci aiutava a capire cosa prendere in considerazione nella lettura dei media.

 

Abbiamo anche approfittato della possibilità che ci è stata data di realizzare un nostro servizio. Come tema abbiamo scelto la persona di Ewa Matuszewska “Mewa”, la 'patrona' della squadra delle scout “Bukowina”. Sono rimasta meravigliata da come le ragazze vedono la sua vita e come sanno parlare di lei.

radiowo_jak_wyglada_radio-pPer chi non c'era è difficile immaginare che movimento si è generato appena ci siamo divisi i lavori: ogni gruppetto, costituito da 4-5 persone, doveva preparare un pezzetto del servizio: la biografia, le storie della Rivolta di Varsavia e la parte più importante: chi è Ewa per noi ora?

Qualche ora di lavoro, incisioni, ripetizioni, aggiustamenti, canti... alla fine eccolo, il NOSTRO servizio! E' di sette minuti, ha aria raccolta e una sua logica, e poi... è assolutamente NOSTRO: nostri i canti, nostro il testo, nostre le impressioni ed ha in più quel pizzico di bellezza di dilettantismo...

Così abbiamo potuto creare anche noi un pezzo di realtá dei media, vi abbiamo voluto inserire la storia di una persona per noi preziosa, alla cui vita continuiamo ad attingere. Di questo lavoro è valsa la pena!