Text Size

pubbliche relazioni

prima sessione:

"Comunicazione e unità - le persone"

Relazione e condizionamenti

1s-jeanlpJean Louis Becot
Ingegnere meccanico, dal 1986 lavora in una grande azienda aeronautica che produce motori per aerei, occupandosi in modo attivo di metodi sempre nuovi di organizzazione del lavoro. Da due anni coordina la comunicazione tra i vari settori dell'azienda, centro nervoso di un modo nuovo di organizzare.
I nuovi sistemi informatici che si pongono in atto nell’impresa, basati sullo scambio di informazioni, sempre più richiedono ai vari utenti di tener conto dei rapporti che essi vengono ad intrecciare con gli altri.

Ciò comporta un grande cambiamento. Infatti i modi abituali di funzionare e di muoversi all’interno di una azienda, sono quelli per cui ciascuno lavora essenzialmente per sè, nel proprio ambito, nella propria struttura, e guardando alla propria dirigenza. Ci si trova spesso davanti a rapporti di potere.

Ecco, il mio compito nell’organizzare la comunicazione all’interno dell’impresa, è quello di sensibilizzare le persone a nuovi modi di comportamento.

Devo operare su due livelli:

1.  A livello degli operatori. Qui il lavoro è relativamente semplice, perché le persone vivono concretamente gli intoppi e le disfunzioni e colgono subito i vantaggi. Tuttavia, nella pratica, esse tendono a mantenere l’abitudine di nascondere le proprie competenze, perché questo era un modo di proteggere il loro lavoro e dunque il loro impiego. Condividere questo tipo di informazioni dipende, dunque, da come si è considerati da parte del proprio responsabile.

2.  A livello dei quadri dirigenziali, invece, è molto più difficile:
- perché non conoscono molto bene la situazione reale;
- perché questo li costringe a cambiare il modo di rapportarsi con i loro collaboratori. Bisogna passare da una impresa a struttura semidirettiva a una impresa più partecipativa;
- perché dipende da loro il fare funzionare la nuova organizzazione, definirla e collegarla con gli altri servizi.

E’ evidente per me che questo sistema di informazione, basato su un continuo arricchimento, possono essere uno strumento di unità all’interno dell’azienda. Occorre però ritagliarsi il tempo per spiegare, per vivere insieme le varie tappe, perché non si tratta di una strada normale. E’ una strada che richiede di saper perdere. Perdere la propria organizzazione, il proprio potere (per trovarne un altro), perdere le proprie idee…