Text Size

di Fernando Muraca

Chilometrotrenta

ChilometrotrentaChilometrotrenta non ha un titolo così singolare a caso. Il protagonista del libro si prepara a correre la maratona fino ad affrontare i sui mitici 42 km. Nello sfinimento del trentesimo chilometro, soglia di resistenza per ogni vero maratoneta, succede qualcosa... Chi ha corso la maratona lo sa...

Stefano Redaelli, con questo romanzo, riesce a svelarlo anche a noi comuni mortali che non ci siamo mai cimentati nella sfida della maratona e ci suggerisce di spingerci nelle profondità della nostra personale corsa nell'esistenza.  La maratona allora diventa un caleidoscopio che ci costringe ad osservare e ricomporre le asimmetrie  che ci portiamo dentro e con cui, prima o poi, ognuno di noi deve fare i conti. Ci sono fasi della vita in cui questo lavoro sul cuore di maratoneta diventa necessario nonostante sia doloroso e difficile affrontare i chilometri che spezzano le gambe e l'anima.

Insieme ad alcuni amici ho avuto la fortuna di seguire nel tempo la redazione di questo libro leggendone le bozze in diverse versioni. Stefano, per istinto, lo ha scritto dentro una realtà di confronto culturale profonda e rischiosa, alternando la solitudine e la fatica della redazione al dialogo. Ha  rischiato la contaminazione e la perdita del controllo individuale sull'opera che componeva. Lo ha fatto non per carenza di ispirazione e insicurezza ma piuttosto, credo, per spirito di avventura. Interprete eccellente di un atteggiamento culturale che si può costruire nel presente mettendo a rischio la proprie opere dell'ingegno e cercando di esprimere il proprio talento riuscendo a farne respirare il balsamo anche agli amici.

Titolo: Chilometrotrenta
Edizioni: San Paolo
Autore: Stefano Redaelli
pagine : 208
prezzo: 14 euro