Text Size

di Paolo Aversano

Dal normale allo straordinario

CocaColaLa pubblicità ha il potere di dare un senso diverso alle piccole azioni di ogni giorno. E’ piuttosto difficile in effetti vivere particolari stimoli emozionali mentre si prende l’autobus, si lotta contro il caotico traffico milanese o romano, si aprono le porte del supermercato, sempre lo stesso da 10 anni, o quando ci viene sete e ci fermiamo ad un distributore automatico.

Con lo spot di questa settimana Coca Cola apre le porte del sogno, ed immagina un popolo di piccole creature che cooperano per offrire all’ignaro passante un momento di gioia. Un’esperienza normale e piuttosto deprimente (si ricorre alle macchinette in momenti d’estrema fretta) diviene straordinaria, si crea nella mente del pubblico un’immagine piacevole destinata a conservarsi intatta nel tempo.

Conosco non poche persone che definirebbero e definiranno la presente campagna “un’americanata”, ed in effetti sono tanti i riferimenti alla cultura cinematografica e pubblicitaria statunitense di cui Coca Cola è espressione.
Eppure permane la bellezza di una costruzione grafica di alto livello, che per un minuto fa dimenticare le piccole e grandi magagne di ogni giorno donando sorriso e stupore a piccoli e grandi.