Text Size

di Raffaele Cardarelli

Gh'al Suv

SkodaSuv Proviamo ad immaginare questa scena 10 anni fa (anche meno): un ragazzo passa a prendere la fidanzata a bordo di un’auto SKODA. “Sfigato!” sarebbe stato, con ogni probabilità, il pensiero più benevolo della ragazza.
Possiamo dirlo? Il marchio di questa casa automobilistica ceca, acquistato dal gruppo Volkswagen nel 1994, non è certo di quelli che “i cuori fan vibrar”.
E la tecnologia innovativa dei motori tedeschi non è bastata a trasportarlo nel gruppo dei marchi “trendy”.

Ma il filmato “ Suv Yeti”, top scorer in termini di ricordo per pubblicità di automobili tra i giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni nei primi mesi del 2011, cambierà l’immagine di questo marchio in modo decisivo.

Non si parla di prestazioni, di tecnologia, di consumi, di basso impatto ambientale o di fari allo xeno.
Il filmato “accompagna” semplicemente il viaggio di un gruppo di amici al ritmo di una musica rap.

Sono pronto a scommettere sui risultati di vendita di questo modello, costruito sulla piattaforma della vecchia Octavia (avete capito bene). Perfino nel settore automobilistico – per anni dominato (a torto) da informazioni tecnologiche – il linguaggio del cuore può raggiungere vette impensabili per la nostra ragione.

Perché “senza cuore saremmo solo macchine”