carattere

A proposito del cambio di conduttori a TG1

Logo TG1In data 6 aprile 2010, NetOne ha indirizzato al Direttore generale della RAI Mauro Masi e al Presidente Paolo Galimberti la seguente lettera, firmata da Nedo Pozzi, coordinatore della commissione internazionale

Stimatissimi
Direttore Generale Mauro Masi
Presidente Paolo Galimberti

RAI

   la polemica dei giorni scorsi relativa alla cancellazione di tre giornalisti “storici” di Rai Uno dalla conduzione dei telegiornali, richiama una questione che sta a monte: ridare autorevolezza ai Tg della prima rete Rai che, al di là dei dati Auditel, a giudizio di molti, ha perso credibilità.

    Auspichiamo perciò vivamente che da questa situazione possa sfociare, in un clima di dialogo, una riflessione pubblica promossa dalla Rai, sulla gestione delle notizie e sui relativi diritti e responsabilità dei giornalisti, anche tenendo conto che i telegiornali Rai sono l’organo principale della formazione dell’opinione pubblica.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
0 #3 lucia 2012-07-18 21:54
salve, sono indignata perchè da più mesi non riusciamo a vedere decentemente una trasmissione delle reti rai, perchè c'è assenza di segnale, vivo ad Aggius prov. Olbia Tempio. Cosa devo fare?? forse non pagare più il canone o meglio chiedere il rimborso per quello che ho pagato e non posso più vedere!!!!
 
 
0 #2 Piero Contini 2010-11-18 17:45
Salve, una domanda...possi bile che la Rai non riesce ad offrire niente di meglio, possibile che si devono vedere solo fiction non credete che offrire sempre la stessa minestra (per altro riscaldata)avet e stufato la gente? Il canone aumenta e la qualità dei programmi scende, oltretutto date la stessa pubblicità che dà mediaset solo che mediaset non ha il canone.....è giusto secondo voi......aggior natevi :zzz
 
 
0 #1 Edoardo 2010-10-20 14:50
Caso Scazzi - Misseri. Basta,basta con questa schizzofrenia mediatica su tutti i
telegiornali di tutte le reti.Siete obbligati a darne notizia datela per qualche secondo in chiusura dei telegiornali. Edoardo Milano