carattere

UCSI: giudizio negativo

Un giudizio negativo sulla approvazione al Senato del DDL anti-intercettazioni viene confermato dall'Unione Cattolica Stampa Italiana.

"Si è persa l'occasione per evitare una prova 'muscolare' -- ha dichiarato il Presidente dell'UCSI Andrea Melodia -- rinunciando così a discutere e approfondire. Siamo di fronte a un provvedimento che, se definitivamente approvato, nonostante alcuni miglioramenti limiterà il diritto dei cittadini a essere informati e il dovere dei giornalisti di informarli, porterà l'Italia agli ultimi posti tra i Paesi occidentali nella classifica sulla libertà di informazione, aprirà una nuova stagione di scontro tra le istituzioni e di dubbia autorevolezza nel nostro sistema dei media".

I punti salienti del DDL

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
0 #2 raffaello 2010-06-17 09:05
SEmbra che il decreto sulle intercettazioni possa avere una rimpensata o per lomeno discusso in settembre.Giust o prima il decreto economico.Se ci sara' lo slittamento a settembre è grazie alle richieste piu' o meno garbate della "opposizione"ch e in democrazia è garante della liberta' di tutti,altriment i qui si rischia di ritornare agli anni bui del 1922,e purtroppo ci sono gli ingredienti anche se certa opinione pubblica fa finta di nulla :-|
 
 
0 #1 gennaro 2010-06-16 10:35
mi sembrerebbe piu' giusto ed urgente discutere ed eventualmente approvare il decreto per l'economia,quel lo sulle intercettazioni potrebbe attendere,è questione di saggezza :-*