carattere

Rubriche

di Thomas Klann

Grattacieli che 'mangiano' le favelas

 

Grattacieli che 'mangiano' le favelas a San Paolo - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Recentemente sono stato in Brasile, per motivi di lavoro. Il mio equipaggiamento per le riprese video era composto in maggior parte da “action camera”.
Sono telecamere con dimensioni e peso ridotti, che possono essere montate su un drone, un quadrocopter.
Leggi tutto...

di Thomas Klann

Il punto di fuga

 

Prospettiva - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Riprendo dalle ultime due foto di questa rubrica. Una era presa dall'alto: " bisogna abituarsi a vedere le cose in una nuova prospettiva", commentavo. Perché? Perché in una foto dall'alto non esiste il cosiddetto punto di fuga.
Invece in quella che ho chiamato 'foto macro' esso esiste. Il punto di fuga sottolinea la prospettiva, ma in questo caso è fuori dall'inquadratura. 

Leggi tutto...

di Thomas Klann

La foto macro

 

Sulla scrivania - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Sono tanti i campi di lavoro nell'ambito fotografico: fotografia sportiva, attualità, reportage, architettura, matrimoni e celebrazioni, ecc.
Ognuna di queste discipline porta con se delle problematiche di realizzazione sia organizzative che tecniche. Ma a volte ci si trova a confrontarsi anche
con i limiti del mezzo in sé, i limiti della macchina fotografica.
Leggi tutto...

 

Iniziative nel mondo del cinema e della televisione

c04-txt_austinRon Austin

Chiediamo a Sister Rose di dirci una sua impressione sul Congresso, e quale è il suo impegno nel campo dei Media. Infatti Sister Rose Pacette è Direttrice del Pauline Center for Media Studies.

Sister Rose

E' un piacere essere qua. La mia comunità, cioè le Figlie di San Paolo, si dedica al comunicare la parola di Dio in tutto il mondo, ma una parte, piccola, della nostra missione consiste anche nel riflettere sulla cultura creata dai mezzi di comunicazione sociale e io mi sono dedicata a questo aspetto. In Inghilterra ho preso un master in Educazione ai Media, cioè alla critica dei media: come leggere e scrivere con questi mezzi di comunicazione, di cui si è appunto parlato questa mattina.
Credo che nell'ultimo secolo c'è stato un aumento generale dell'alfabetizzazione, anche se non abbastanza, e intanto si pone la necessità di saper leggere anche la lingua dei media e della comunicazione extra personale, di Internet, per esempio. Noi ci proponiamo di sviluppare la capacità di una visone intelligente: questa è una delle descrizioni migliori di ciò che si può chiamare alfabetizzazione dei media, la capacità di una visione critica. La critica può rendere cinici, alle volte e noi non vogliamo che i bambini e i genitori diventino cinici nella loro critica, noi vogliano immettere la speranza per il futuro, ma vogliamo anche insegnare la capacità di porre delle domande sui media: "cosa c'è e cosa manca, chi c'è e chi manca in quello che stiamo guardando, nell'interesse di chi questo è stato fatto prodotto; questa produzione cosa sta cercando di vendermi ".
In America questo è uno dei problemi più grandi, perché si vende e si compra l'audiens dai pubblicitari e questo aumenta il commercialismo, il consumismo.
Che cosa provoca tutto ciò per la spiritualità e lo sviluppo umano del bambino, del ragazzo? E' importante creare una connessione tra l'alfabetizzazione ai media, l'educazione tradizionale e l'educazione ad essere cittadino in questi nostri paesi in cui viviamo liberi e responsabili. Quindi è bene se riuscite a coinvolgervi in questo settore di studio.

Ron Austin

Abbiamo ancora due amici, che ringrazio di essere venuti. Invito il Dottor Raffaele Piccardi a parlare della sua iniziativa. Il dottor Piccardi è presidente della Fondazione Osservatorio Bambini e media.

Raffaele Picardi

Sento una profonda adesione ai principi e ai valori che sono stati esposti in queste giornate. Mi ha molto colpito l'intreccio e la corrispondenza espressa in modo così efficace fra una eccellente professionalità e una qualità umana che non è da meno.
In questo contesto io rappresento un segmento particolare. Hanno parlato soprattutto, come è ovvio, i produttori e i realizzatori. Io sto dalla parte dei consumatori e in particolari di una parte particolare dei consumatori che sono i bambini. Io sono presidente di una fondazione che si chiama Fondazione Osservatorio Bambini e Media, che opera affinché la vostra offerta di qualità dei Media si possa incontrare con una domanda di qualità.
Questo è uno dei problemi che dobbiamo affrontare. Nel mercato molto spesso la vostra offerta incontra difficoltà, perché non è sostenuta, non è richiesta da una domanda di qualità, che noi invece vorremmo contribuire a formare e a diffondere. Noi ci dedichiamo alla formazione, iniziando da studenti più piccoli di quelli di cui si è parlato prima. L'ultima relatrice affermava che l'educazione non finisce all'università. E' molto vero! Da parte nostra noi diciamo che l'educazione comincia dai primissimi anni di vita. Quindi noi cerchiamo di agire sui soggetti più piccoli. Anche perché la loro è la generazione delle rivoluzioni digitali. Sono loro che cambieranno il mondo, e che potranno realizzare quelle idealità e quelle speranze che voi e tutti noi coltiviamo nel cuore. Che sapranno padroneggiare bene la tecnologia e alla luce dell'unità e dei valori del dialogo, del confronto e della libertà di cui sono naturalmente portatori, potranno incidere nella cultura e nella mentalità con più efficacia di quella della nostra generazione. Da questo punto di vista mi sembra particolarmente significativo che questa giornata si avvii alla conclusione con l' intervento di bambini di una scuola di Napoli, che hanno realizzato uno spot con le immagini di bambini " speciali ", meno fortunati dei loro compagni, che giocano a calcio.

Ron Austin

Grazie di questo intervento, che ci ha portato dalla parte di chi riceve la nostra comunicazione, dalla parte, poi, dei più deboli e dei più indifesi.

L'ultimo oratore è appropriato perché noi a Hollywood lo chiamiamo l'uomo del futuro, Jonathan Bock. Ha un ruolo pionieristico nel promuovere i prodotti che si ispirano a valori spirituali. Abbiamo infatti parlato di come insegnare, di come produrre, di come creare, ma è importante che ci siano persone come Jonathan Bock che ci aiutano a far conoscere nostri film, così che riusciamo a venderli.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

sottolineature

Bisogna evitare che una lettura teorica dei processi del cuore umano semplifichi la varietà e la complessità delle situazioni in cui viene a trovarsi nella storia ogni singola persona.

Carlo Maria Martini

News&You - Brochure

 

BrochureN_Y

english    italiano

Grazie a Starkmacher di questo lavoro!

Seguici su Facebook

Facebook_p

Utenti online

Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online

RSS Syndicator