carattere

Rubriche

di Thomas Klann

Grattacieli che 'mangiano' le favelas

 

Grattacieli che 'mangiano' le favelas a San Paolo - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Recentemente sono stato in Brasile, per motivi di lavoro. Il mio equipaggiamento per le riprese video era composto in maggior parte da “action camera”.
Sono telecamere con dimensioni e peso ridotti, che possono essere montate su un drone, un quadrocopter.
Leggi tutto...

di Thomas Klann

Il punto di fuga

 

Prospettiva - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Riprendo dalle ultime due foto di questa rubrica. Una era presa dall'alto: " bisogna abituarsi a vedere le cose in una nuova prospettiva", commentavo. Perché? Perché in una foto dall'alto non esiste il cosiddetto punto di fuga.
Invece in quella che ho chiamato 'foto macro' esso esiste. Il punto di fuga sottolinea la prospettiva, ma in questo caso è fuori dall'inquadratura. 

Leggi tutto...

di Thomas Klann

La foto macro

 

Sulla scrivania - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Sono tanti i campi di lavoro nell'ambito fotografico: fotografia sportiva, attualità, reportage, architettura, matrimoni e celebrazioni, ecc.
Ognuna di queste discipline porta con se delle problematiche di realizzazione sia organizzative che tecniche. Ma a volte ci si trova a confrontarsi anche
con i limiti del mezzo in sé, i limiti della macchina fotografica.
Leggi tutto...

 

Alle sorgenti della comunicazione

c04-txt_lubich

Chiara Lubich
fondatrice e presidente del Movimento dei Focolari



"Maria e la comunicazione"

Seminario Internazionale sulla Comunicazione
(Castel Gandolfo, 6/6/2003)

Carissimi professionisti della comunicazione,

si apre oggi qui, al Centro Mariapoli di Castel Gandolfo, un seminario internazionale in preparazione d'un nuovo congresso, in futuro, sulla comunicazione.
Esso raccoglie in questa sala le persone dedite ad una di quelle che noi - mutuando una parola da san Giovanni Crisostomo - chiamiamo "inondazioni": l'inondazione delle comunicazioni.
Esse sono prodotto d'un particolare dialogo - il dialogo con la cultura - che il Movimento dei Focolari sta, da qualche tempo, intavolando fra la sapienza, che offre il carisma dell'unità, e i diversi ambiti del sapere e del vivere umano, come quello della filosofia, dell'educazione, delle scienze umane e naturali, dell'arte, della salute, del diritto e così via.
Qui della comunicazione.
Inondazioni che, non è difficile capire, si mantengono tali solo se costantemente animate, inondate dalla luce che promana dal dono di Dio, pena il ricadere nel pensiero e nell'azione semplicemente umani.
Ecco perché apriamo questo seminario con un messaggio spirituale che recita così:

 

"Maria e la comunicazione".
La provvidenza di Dio ha fatto sì che il nostro seminario dei media si svolgesse durante l'anno che il Santo Padre ha voluto consacrare a Maria, la Vergine dolcissima, la Madre del Verbo, della Parola fatta vita. Ed è a Lei che da mesi ormai la Chiesa cattolica offre iniziative su tutto il pianeta, le più varie, per darle gloria.

Pure noi, come Movimento dei Focolari, abbiamo avuto l'intima gioia di innalzarle una lode tutta particolare, organizzando in questo stesso Centro un congresso interamente dedicato a Lei.

È stato in quell'occasione che gli stessi media hanno ancora una volta rivelato la loro straordinaria capacità di moltiplicare il bene, trasmettendo per tre giorni di seguito il congresso in diretta.

E ciò ha dato una grande gioia a noi, perché, come forse loro sanno, vi è un rapporto particolarissimo tra Maria e il nostro Movimento, che ambisce d'essere - per quanto è possibile - una sua presenza sulla terra e quasi una sua continuazione.
E, se nei sessant'anni di storia del Movimento, Ella ci ha manifestato molte sfaccettature del suo disegno eccelso, quale rara creatura incastonata, in un suo modo unico, nella Santissima Trinità, speriamo che ora ci apra qualche spiraglio di luce anche nell'attuale seminario di NetOne.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

sottolineature

Non l'occhio decide quanto e come vede. Il guardare ansioso, sospettoso, rabbioso - o gelido - vede diversamente dal guardare fecondo.

Danilo Dolci 

News&You - Brochure

 

BrochureN_Y

english    italiano

Grazie a Starkmacher di questo lavoro!

Seguici su Facebook

Facebook_p

Utenti online

Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

RSS Syndicator