carattere

Rubriche

di Thomas Klann

Un motivo nel motivo

 

Bicchieri illuminati - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Quando si è invitati ad un matrimonio, capita di parlare ai commensali e di non vedere un bel soggetto da fotografare giusto davanti al naso. Come stava succedendo a me.
Avendo la macchina fotografica con me - è sempre con me in questi casi - quando ho avvistato il motivo per una foto, avevo solo da inquadrarlo nel modo giusto.
Da una finestra entrava una luce abbondante che illuminava tutto lo scenario che volevo fotografare.
Leggi tutto...

di Thomas Klann

Grattacieli che 'mangiano' le favelas

 

Grattacieli che 'mangiano' le favelas a San Paolo - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Recentemente sono stato in Brasile, per motivi di lavoro. Il mio equipaggiamento per le riprese video era composto in maggior parte da “action camera”.
Sono telecamere con dimensioni e peso ridotti, che possono essere montate su un drone, un quadrocopter.
Leggi tutto...

di Thomas Klann

Il punto di fuga

 

Prospettiva - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Riprendo dalle ultime due foto di questa rubrica. Una era presa dall'alto: " bisogna abituarsi a vedere le cose in una nuova prospettiva", commentavo. Perché? Perché in una foto dall'alto non esiste il cosiddetto punto di fuga.
Invece in quella che ho chiamato 'foto macro' esso esiste. Il punto di fuga sottolinea la prospettiva, ma in questo caso è fuori dall'inquadratura. 

Leggi tutto...

di Redazione

NetOne&Co - 23/02/2007

massmedia_sport_01Di sport si parla, anche parecchio. Forse troppo. Esistono canali specializzati, decine di trasmissioni dedicate al calcio, cinque quotidiani che si occupano solo di questo. Abbiamo una overdose di informazione, una valanga di parole che, a braccetto con i grandi interessi economici, hanno contribuito ad accelerare la crisi di sport popolari come il calcio. Non è la quantità a far difetto, ma la qualità, il "come" si parla di sport alla radio e in tv, sui giornali e sul web.

massmedia_sport_02 Su questo argomento si sono confrontati presso la sede della Federazione della Stampa Italiana, in un incontro  -organizzato da Netone e Sportmeet e condotto da Maria Chiara De LorenzoPaolo Crepaz, giornalista, medico sportivo e responsabile di Sportmeet, Salvatore Tomai, giornalista di "Sfide" programma di culto di Raitre, e Gianni Bianco, giornalista del Tg3 "Primo piano" e già conduttore di "Zona Cesarini" su Radiouno.

I relatori, presentando alcune esperienze professionali, hanno rilanciato la sfida di contribuire, con l'uso dei media, a ridare un'anima e valori veri allo sport.

Video dell'introduzione alla tavola rotonda di Maria Chiara De Lorenzo

 

Video delle due risposte di Paolo Crepaz alle seguenti domande:

  • Dal vostro punto di vista, da quello del mondo dello sport, che idea avete del legame stretto, qualcuno parla di "contaminazione", fra sport e media? 

  • Quello che hai dipinto è un quadro forse troppo pessimistico sul rapporto media e sport, ma probabilmente solo realistico. Proviamo a confrontarci su cosa si sta facendo e su cosa si può fare in direzione opposta
     

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

sottolineature

La Santità non consiste nel fare cose straordinarie, ma nel fare le cose ordinarie in modo straordinario.

Teresa di Lisieux

News&You - Brochure

 

BrochureN_Y

english    italiano

Grazie a Starkmacher di questo lavoro!

Seguici su Facebook

Facebook_p

Utenti online

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

RSS Syndicator