logo NetOne - media and a united world

NetOne

media and a united world

Rubriche

Un motivo nel motivo
Quando si è invitati ad un matrimonio, capita di parlare ai commensali e di non vedere un bel soggetto da fotografare giusto davanti al naso. Come stava succedendo a me...
Thomas Klann
Thomas Klann
fotografo

di Thomas Klann

50 anni fa Berlino fu spaccata in due

(clicca per ingrandire)

Ho scattato questa foto - rischiando di persona - il 1 maggio 1964, vicino al Potsdammer Platz, oggi centro di Berlino.

Non è di questa rubrica fare la storia del muro di Berlino, Repubblica ieri ha dedicato a questo l'inserto la Domenica, ma voglio condividere qualche semplice dato di conoscenza personale.

Si dice spesso che il muro è stato fatto il 13 agosto 1961, non è preciso. Giorno 13, era una domenica, fu solo recintata la frontiera con del filo spinato ed fu sospeso il transito tra Berlino est e Berlino ovest. Ancora il 15 di giugno del 1961, Walter Ulbricht aveva risposto a una giornalista: “Nessuno ha intenzione di costruire un muro”. La vera costruzione cominciò solo il 17 agosto, utilizzando del materiale sequestrato dalle case in costruzione.

Il muro è stato fatto 16 anni dopo la guerra ed è durato 28 anni. La frontiera di Berlino, con l' Est della Germania era lunga 1400 Km., di essa 54,5 Km erano di muro. Il costo, si calcola, fu di circa 10 miliardi di Marchi dell'Est, ogni anno. Si stima che 1000 persone morirono sulla frontiera.

A un fuggitivo, sopravvissuto, si erano sparati 176 colpi di qui sette l'anno raggiunto. Per evitare scrupoli ai soldati, sia era costruito un sistema, chiamato SM70 e messo in opera negli anni '70, che sparava pallottole automaticamente, i suoi sensori elettronici reagivano ad ogni movimento lungo il muro. Prima di arrivare al muro, nella parte dell'Est, c'erano 3 corridoi, uno di questi era minato.

Dopo vari rifacimenti, nel 1975 il muro era alto 3,60 metri, era fatto di 45.000 elementi di cemento, dove ogni elemento costava 400 Marchi dell'Est. Alla fine il muro, negli anni '85, fu un problema anche per la Russia. Gorbaciov cercava una distensione tra Est ed Ovest e il muro non aiutava. Il 9 novembre '89, in una conferenza stampa, rispondendo a un giornalista italiano sul transito tra Est e Ovest, il funzionario Günter Schabowski, disse che non sarebbe stato più necessario chiedere una autorizzazione per andare a Berlino Ovest. Non si aspettava che questo scatenasse l'abbattimento del muro e fu irradiato dal partito.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.