di Thomas Klann

Fare di necessità virtù

 

(clicca per ingrandire)

Torniamo sulle foto ricordo che si desidera portare a casa da un viaggio: il Colosseo se si va a Roma, la Tour Eiffel da Parigi... e ci vengono in mente quelle immagini standard  viste centinaia di volte.
Ad esempio, a Rio de Janeiro cosa associo? Il soggetto della foto a lato, ma visto di fronte a dominare il panorama della città.
Per una foto così occorre avere un elicottero e, naturalmente, non ce l'avevo quando sono stato a Rio. Allora, visto che il soggetto era noto, ho cercato di fare lo stesso una foto da mostrare agli amici, riprendendo quello che vedevo, ma inquadrandolo bene e con una giusta esposizione.

Una foto non deve necessariamente essere orizzontale o verticale. Questa è una pretesa tecnologica ma la vista umana non è né orizzontale, né verticale: è rotonda. E poi una foto non ha una terza dimensione. Perché allora non fare di necessità virtù?
In fotografia, a mio parere, non c'è nulla di peggio che scattare una foto arrendendosi al fatto di non riuscire a fare quello che si desiderava fare. Allora meglio non farla!

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.