ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

24° Congresso EdC dell'Argentina

Il 24° Congresso di Edc dell'Argentina si è svolto a Paranà dall'11 al 13 settembre

L'Edc, uno "stile di vita"

Gruppo_Paran

Il 24ª Congresso EdC dell'Argentina si è svolto dal mezzogiorno di venerdì 11 al primo pomeriggio di domenica 13 settembre, nella città di Paraná. Erano presenti 116 persone: 63 imprenditori, 28 lavoratori di aziende Edc, 5 studiosi, 11 studenti e 9 tra clienti e fornitori di alcune imprese aderenti al progetto. 49 i partecipanti presenti per la prima volta, tra questi 17 erano imprenditori e  20 erano lavoratori.

 

Presenti anche 4 uruguaiani: la loro partecipazione ha significato l'apporto di una diversa ricchezza culturale e di un altro punto di vista sul concetto di attività economica. La partecipazione attiva dei molti lavoratori delle aziende EdC ha dato la misura di quanto la comunione penetri sempre più nelle stesse. Venerdì pomeriggio i partecipanti hanno potuto visitare alcune aziende EdC di Paraná ascoltando gli Paran_Nogalimprenditori e i lavoratori nel proprio posto di lavoro, guardando la distribuzione degli uffici, e avendo la possibilità di porre domande in merito a sogni e difficoltà di questi:  veniva in evidenza quanto il progetto EdC sia la scelta di uno “stile di vita”.

Sabato mattina si è svolta l'assemblea di UNIDESA SpA, la società per azioni che gestisce ed è proprietaria del Polo Solidaridad nella Mariapoli Lia. Da qualche anno il bilancio Unidesa presenta un equilibrio economico, coprendo le entrate ordinarie le uscite ordinarie; in  questa situazione positiva il capitale degli azionisti (attualmente più di 300) e quello che potrebbe essere apportato da eventuali nuovi azionisti, potrà essere dedicato a nuovi investimenti e allo sviluppo delle infrastrutture del Polo. Nel 2009 sono state effettuate modifiche nel capannone dell'azienda LUMI (fabbrica di biscotti) perché fosse maggiormente adeguato alle esigenze e oggi l’area produttiva è in funzione. Durante l’assemblea, il direttore di Unidesa ha fornito informazioni sui piani di sviluppo dell'azienda: egli azionisti presenti erano molto interessati e hanno anche avanzato diverse proposte.

Paran__CanoaSubito dopo pranzo è stata organizzata una escursione, su piccoli battelli, lungo il Paraná, uno dei grandi fiumi che attraversano il litorale argentino. E’ stata l’opportunità di conoscere e aiutare le famiglie di pescatori che vivono lungo il fiume e che da anni mantengono un rapporto e sono aiutate dalla comunità del Movimento dei Focolari presente nel territorio.

Nel pomeriggio si sono organizzati tre Forum ciascuno sviluppato da uno specialista e gestito da un moderatore. Ecco gli argomenti dei Forum: Rapporti nell'impresa: "Incentivare i risultati. Premiare le virtù"; Nuovi orizzonti economici: “Gratuità e mercato”; Inserimento nel sociale: Responsabilità e felicità pubblica”.

Nell'arco di due ore e mezza si sono sviluppati i temi e le relative discussioni: ogni specialista ha Paran_Rioproposto una breve presentazione dell'argomento e aperto, in un secondo momento, uno scambio di esperienze, domande, idee tra i presenti. Ne è scaturita una comunione aperta e profonda che ha molto arricchito i partecipanti.

La Domenica mattina, dopo un momento di condivisione delle conclusioni di ciascun forum, Cecilia Di Lascio ha fatto un'analisi sull’ultima enciclica di Benedetto XVI “Caritas in Veritate”. Con precisione e semplicità ci ha aiutato a scoprire il contenuto dell' enciclica: la proposta di uno sviluppo umano umanizzante che applichi un amore ricco d'intelligenza ed una intelligenza piena di amore. Cecilia Di Lascio ha concluso invitando gli imprenditori a pensare l'azienda come una organizzazione che ha degli obbiettivi meta-economici: essere una comunità di riferimento, ampliare la responsabilità sociale, evidenziare il significato etico dell' investimento.

Il Congresso si è concluso con un momento di scambio tra i partecipanti e con il messaggio del coordinatore internazionale di EdC Luigino Bruni, nel quale egli invita gli aderenti al progetto a percorrere una nuova tappa, ad aprire “…una nuova fase dell’EdC, dove i protagonisti si prendano cura delle loro città e delle relative corone di spine, vadano oltre la donazione degli utili includendo gli esclusi, in dialogo con tutti, in una nuova fase di nuovo entusiasmo e creatività. Inoltre, sentiamo di dover annunciare l'EdC donandola a tutti e in tutti i modi, laicizzandola e universalizzandola, ma senza perdere il suo DNA…” in modo che si manifesti come “quella ‘terza via” che Chiara intravedeva, “una nuova economia che dovesse cambiare il mondo”.

Alcune impressioni:

Sapevo molto di EdC ma, non avendo mai partecipato ad uno di questi congressi e visto questi imprenditori, non avevo capito che l'EdC è uno “stile di vita”.Quello che mi porto a casa è che devo vivere una cultura nuova e se non cambio il mio pensiero non potrò applicare niente di quello che ho visto.La consistenza del congresso non l'ho trovato tanto nei temi bensì nella comunione vissuta.(Liendel, Bs.As.:)

La prima cosa che sento è di ringraziare per questi giorni. Ogni volta che ascolto Cecilia Di Lascio è per me un dono.Questa volta ho potuto ascoltarla con dei nostri impiegati e questo è stato molto importante, ci darà la possibilità di sviluppare di più questo stile di vita.
(Mirta Cocucci, imprenditrice di Mendoza- www.cocucci.com.ar:)

Ho lavorato da quando ho imparato a leggere e scrivere.Per 30 anni ho lavorato in un ufficio notarile, non sono stata gratificata in nessuna maniera.In questa agenzia ho trovato i miei stessi valori.Quello che è dogmatico non mi soddisfa, i dogmatismi dividono, non uniscono. Mi sono stancata dell'ipocrisia, anche quella dei cristiani.Qui ho visto che si mette in pratica quello che si dice. Quello che dice il Papa non mi interessa.Mi porto a casa la speranza che ci sono persone che praticano quello che dicono. Rinnovare la speranza è importante.
(Liliana – Impiegata dell'agenzia immobiliare Cocucci:)

Per me è stato veramente un riconoscermi con l’ideale di EdC, sono molto contenta e spero che questo spirito mi rimanga fino all’incontro di aprile. Tutto, tutto, tutto è stato BELLO, la semplicità degli organizzatori, il posto, le visite alle aziende con i loro testimoni, il condividere le colazioni, i pranzi, le cene, i forum, i momento ricreativi nella sala, nelle stanze, nei corridoi, nel parco, nella passeggiata in battello per il fiume, in ogni momento. I nuovi…i nuovi…Dio mio!!! Erano moltissimi e questo mi dava moltissima emozione ed ogni cosa che ti chiedevano o commentavano mi facevano sentire come se in quel momento, in quella risposta, la EdC dipendeva da me, soltanto da me. E dovevo dargliela come io la avevo ricevuta… ed era tutta una responsabilità… cosa dirgli? Raccontargli la mia piccola esperienza con totale semplicità… non so come esprimerlo, hai guardato le loro faccie? Il primo giorno con più aspettative, il secondo giorno erano felici…loro stessi si erano convertiti in protagonisti… E le esperienze… molte, molte. Non vorrei dimenticarmi di nessuna. Quanto dolore trasformato in amore e questo impressiona, emoziona, motiva, contagia!!! E per questo Dio vi da il centuplo.
Ho imparato moltissimo in questi giorni, mi sono sentita in famiglia ed la cosa più bella è che ci siamo anche divertiti… perché è stata una gioia ritrovarci.

(Carolina Carbonell- Contabile – impiegata presso la borsa dei cereali di Rosario. )

Me ne vado pieno di nuovi sensi, in una dimensione nuova.
(Hernán Siriani, imprenditore di Paraná:)

Ho sempre aderito ma non avevo mai capito l' EdC. Questa volta mi sembra di aver capito qualcosa. Per dirlo in qualche modo: E’ come un'orchestra composta da molti che hanno diversi compiti e suonano diversi strumenti. Tutti sono necessari. Abbiamo l’opera da eseguire, non è possibile non riuscirci. Dobbiamo studiarla e fare le prove e sicuramente riuscirà perfetta.
(Sergio, di Resistencia:)

Ringrazio Chiara, che  mi ha salvato la vita. Non so dove sarei andato se non avessi trovato la EdC.
(Germán – imprenditore di Paraná)

Sono venuto ad un congresso di economia. Ho partecipato a molti ritiri ed esercizi spirituali ma in molti anni non ricordo di aver sperimentato la presenza di Dio come qui. Sono qui per la presenza di Gesú, Gesú padre, Gesú uomo. Ho sentito una pace spirituale che poco ha a che fare con le aziende.

(José - architetto di Santiago del Estero:)

Voglio ringraziare le due signore che hanno parlato nel forum dove si è trattato del tema degli incentivi. Hanno raccontato come si ricevono incentivi che sono decisi a favore di qualcuno e nessuno però chiede loro di cosa hanno bisogno. Devo chiedere perdono: Di cosa avete bisogno? Come? Come volete essere amati? Chiedo perdono, non me lo sono chiesto mai.
(Carlos García – imprenditore – Bahía Blanca)

Ho trovato gente comune che fa delle cose straordinarie, che vive per cercare di trovare cose nuove.Dobbiamo allargare la nostra visione del mondo.
(Armando – imprenditore - Santiago del Estero:)

Di queste aziende quello che conta sono le testimonianze. Anche se non guadagnate soldi andate avanti. Vale la pena morire sul campo di gioco.
(Il responsabile di una ONG di Rafaela:)

Un grande grazia, veramente. Come esperienza segna un inizio nella città di Santiago del Estero, un animarci o batterci per vedere ed imparare quello che si presenta ai nostri occhi come un “paradigma”. La EdC fa vedere la cultura del dare, la gratuità, la reciprocità. Nella nostra azienda, Petroban SRL c’è già un manuale di gestione che adesso esamineremo. Continuiamo uniti per questo cammino che ci conduce verso il sognato Mondo Unito.
(Roque Frontera, Santiago del Estero)

Per noi sono stati giorni luminosi nei quali abbiamo cercato di vivere (e lo sentiamo anche in molti) una realtà di rapporti diversi e come risultato abbiamo avuto momenti…
D’ incontro!
Di famiglia!
Di approfondimento della EdC!
Di condividere!
Di bella prospettiva nell'assemblea…!
Una vera ri-creazione!

(Horacio y Blanca Pirotta – Consulenti -  9 de Julio)

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it