ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Economia di Comunione al Parlamento Lituano

In un’atmosfera straordinaria, per solennità e semplicità al tempo stesso

Economia di Comunione al Parlamento Lituano

Un evento veramente unico nel suo genere quello organizzata lo scorso 9 marzo nel Parlamento Lituano, a Vilnius. L’occasione è stata quella di celebrare il ventesimo 2010-03-09__LT_Parlam_Sale_01-ridanniversario dell’indipendenza della Lituania, che cadeva l’11 marzo; cosi, su iniziativa del Parlamento e della conferenza episcopale, è stata ideata una giornata di riflessione dal titolo: «Libertà e responsabilità: il fondamento dell'economia e della politica alla luce della 'Caritas in Veritate'». Antonio Maria Baggio e Luigino Bruni sono stati invitati, insieme ad un sacerdote lituano, a portare il proprio contributo come relatori principali, rispettivamente sugli aspetti politici e economici nel contesto dell'enciclica.

2010-03-09_LT_Parlam_Luigino_02-ridLa bella sala ad anfiteatro da 400 posti era gremita: erano presenti la presidente del parlamento, Irena Degutiene, vari deputati, il cardinale e due vescovi, tanti sacerdoti e uomini d'affari e una folta presenza di giovani. La giornata è stata aperta dal caloroso saluto della presidente della Camera seguito da quello dell’ l'arcivescovo di Kaunas, Sigitas Tamkevicius. I tre interventi, pur preparati da persone diverse e a distanza, si sono susseguiti in una linea di sviluppo armoniosa e sono stati seguiti con un ascolto che cresceva minuto dopo minuto in profondità: in particolare dagli interventi di  Antonio Maria Baggio e Luigino Bruni è emersa la carica della novità della visione trinitaria che il carisma di Chiara Lubich ha portato anche negli ambiti politico ed economico.

Il deputato Egidijus Vareikis ha aperto il forum, dopo una pausa, affermando: "E’ rarissimo che si parli qui nella sala grande del 2010-03-09_LT_Parlam_Irena_Degutiene-ridParlamento dell’amore. Faccio tanti viaggi nel nostro paese e so che quello che manca alle persone non sono tanto i soldi, quanto l’amore. Spero, che non sia l’ultima volta che vediamo qui i relatori italiani". E’ seguita un'ora di domande, in particolare sull'Economia di Comunione e sullo stile politico del carisma dell’Unità di Chiara Lubich. Il moderatore ha poi dovuto chiudere quasi per forza perché il tempo era ormai scaduto. Dopo la conferenza tanti hanno ripetuto che c’era un’atmosfera meravigliosa ed espresso il desiderio di approfondire in altri incontri o seminari questi nuovi pensieri. Tanti i volti illuminati e pieni di gioia.

Luigino_Bruni_Vilnius_ridAbbiamo chiesto a Luigino Bruni una sua impressione:
Luigino, dagli echi ricevuti da Vilnius sembrerebbe che Economia di Comunione abbia avuto una risonanza particolare all’interno di quella sala del Parlamento Lituano. Tu che ne dici? 

Si, decisamente è stato cosi.

Secondo te perché? Cosa hai colto di particolare in merito?
La Lituania è un paese giovane, che presenta ancora forti radici cristiane e che ha nella sua storia recente 45 anni di comunismo. Quello che ho colto è un forte bisogno di imprenditori, che ancora  a 20 anni dall’indipendenza mancano quasi completamente, perché la cultura imprenditoriale è stata fortemente ostacolata dal regime. Ora, quando ho parlato dell’imprenditore civile e di comunione, ho sentito una grande attenzione perché è proprio di questo che la Lituania oggi ha bisogno. E’ un momento cruciale per la storia di questo paese che oggi deve ricostruire la propria classe imprenditoriale; ed in questa delicata fase, se i lituani ascoltano le proprie radici, si accorgono di non aver alcun bisogno di capitalisti speculatori, ma di imprenditori civili. L’imprenditore civile non è quello che persegue meramente il proprio profitto (chi lo fa è uno speculatore), ma è colui che ha un progetto da realizzare e lo fa in un’ottica di bene comune. Questo risponde alle radici cristiane di questo paese ed anche alle istanze di uguaglianza che il comunismo nel bene e nel male esprimeva e che comunque fanno ancora parte del patrimonio lituano.

A tuo avviso che contributo può dare Edc oggi alla Lituania?
Edc oggi ha la grande opportunità di aiutare questo paese a crescere nel proprio sviluppo senza rinnegare la propria identità storica anzi valorizzandola. Andando sul concreto, la proposta di realizzare una scuola per imprenditori civili e di comunione è piaciuta molto. Probabilmente già verso la metà di settembre sarà possibile realizzare un seminario in questo senso presso l’Università cattolica di Kaunas.

Ecco alcune impressioni:
2010-03-09_LT_Parlam_Antonio_02-ridUn deputato: "Se ci fosse qui in questa sala sempre un'atmosfera così, la politica sarebbe tutta diversa";
Un altro deputato: "Questa conferenza è stata fatta nel momento giusto. E' l'ora di un cambiamento";
Un economista: "E' bellissimo, quello che abbiamo sentito è già vita e non sono solo affermazioni incoerenti";
Una sociologa: "L’invito di pensare e agire a mo’ della Trinità è una cosa che colpisce e contagia";
Un'imprenditrice: "Ho un’impresa con tante responsabilità. Questa conferenza mi ha dato il coraggio di andare avanti";

Ci dicono infine Ute Ihl e Nico Tros, responsabili del Movimento dei Focolari in Lituania, presenti all’evento: “Tornando in macchina, ci sembrava quasi di aver 'sognato' quello che era successo davanti ai nostri occhi in quella bellissima sala del Parlamento. E' un ulteriore segno evidente che il carisma di Chiara Lubich si sta allargando inarrestabilmente nel mondo perché risponde fondamentalmente alle sue più urgenti esigenze.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it