ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Produrre ricchezza per condividere

O’Higgins, si è svolto il 24 e 25 aprile il 25° incontro EdC

Produrre ricchezza per condividere

di Carolina Carbonell e Hugo Mardon

100425_OHiggins"Ci sono persone che non ne hanno abbastanza del realizzarsi nella famiglia, nello studio, nel lavoro; esse hanno bisogno di dare qualcosa di più all'umanità".
Il 24 e 25 aprile 2010 si è svolto nella Mariapoli Lia, ad O’Higgins, Provincia di Buenos Aires, Argentina, il 25 ° Meeting EdC.  Tra i 140 partecipanti imprenditori, dipendenti, operai e studenti da Argentina, Uruguay e Paraguay.

Partendo da una riflessione sull’oggi dell’ EdC e sulle sfide future, si è proseguito  con le esperienze di alcuni imprenditori presenti. Nel pomeriggio una visita al Polo Solidarietà, adiacente alla Mariapoli: le imprese si stanno svilupando, le coltivazioni intensive ed il quartiere con le case delle famiglie degli abitanti del polo, dimostrano al mondo che un altro tipo di società è possibile.

Il pomeriggio del sabato, è stato condiviso con oltre 200 partecipanti ad un’incontro del Movimento Politico per l'Unità. Nella parte politica si è parlato di “sviluppo locale” e nella parte economica è stata presentata una riflessione e un’esperienza cooperativa che si sta sviluppando a Mendoza, Argentina: si è constatato che si appartiene alla stessa famiglia, che si ha la stessa cultura, gli stessi valori e che si lavora per gli stessi obiettivi. Alta la partecipazione dei giovani ed ottimo il livello delle risposte che essi hanno ricevuto dagli esperti presenti. Poi un momento di svago, con uno spettacolo di tango, danza popolare tipica di Buenos Aires.

Domenica mattina la partecipazione all’incontro di Bruno Venturini, uno dei primi focolarini che seguirono Chiara Lubich nell’avventura degli inizi del Movimento dei Focolari alla fine degli i anni '40, ha suscitato tante domande da un pubblico desideroso di arricchirsi dell’esperienza di chi ha vissuto da oltre 60 anni la cultura del dare. “Quale messaggio vorresti darci, Bruno?”, ha chiesto qualcuno, cercando un’indicazione per il futuro. "Sono entusiasta, non vi manca nulla, continuate a crescere, le radici ormai ci sono ...; Andate avanti, questo è un opera di Dio…" è stata la sua risposta.

Portando dentro l’eco di queste parole, è arrivato il momento delle conclusioni e delle impressioni. Tra queste, una dipendente di una azienda del polo Solidaridad, ci ha detto: "Non ho lavorato io al Polo, è Dio che ha lavorato in me”.

Come conclusioni, abbiamo individuato alcune delle sfide che oggi l’EdC ha di fronte. Eccole:
• Non pensare alla povertà solo come a:"non hanno da mangiare", ci sono altri tipi di povertà.
• Occorre costruire una rete con altre organizzazioni, in quanto l'obiettivo (EdC) è più grande delle nostre forze.
• L’EdC è chiamata ad andare oltre i confini del Movimento dei Focolari.
• La nostra vocazione EdC è l’ Umanità.
• Occorre diffondere la cultura del dare; l’EdC è un’espressione del carisma dell'unità di Chiara Lubich.
• Lo scambio di esperienze con gli studiosi è fondamentale per il progresso della teoria.
• Occorre creare commissioni di studio, per proseguire il lavoro iniziato.
• Occorre intensificare la comunione tra il motore (imprenditori) e gli studenti, i dipendenti, ecc.
• Occorre avere una grande stima del nostro “popolo”.

Ci siamo lasciati dandoci appuntamento a settembre 2010, a Montevideo, Uruguay, per il 26° Meeting di EdC, con la certezza che costruire una società più equa è realmente possibile.
Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it