ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

A Puebla EdC è già realtà

Il 24 e 25 agosto si è svolto a Puebla, presso il Centro Mariapoli El Diamante, il secondo congresso Edc messicano.

di Christopher Jimenez

130824-25 Puebla 04 ridPuebla - Per il secondo anno consecutivo, il Movimento dei Focolari lancia in Messico la sua proposta economica innovativa: di fronte ad una logica di mercato basata sull’ "avere", l' EdC propone una "cultura del dare" .

Oltre un centinaio i partecipanti, da Stati Uniti, Argentina, Costa Rica, Brasile, Italia e da diverse latitudini del Messico. Risaltava un folto gruppo di giovani studenti e imprenditori che con la loro vitalità ed entusiasmo hanno dato ai presenti la speranza che effettivamente Edc possa svilupparsi in Messico, quasi facendo assaggiare brani di un “futuro promettente”.

Importanti gli input ricevuti da vari esperti e imprenditori che hanno scelto di operare con le loro attività basandosi su questo nuovo modello economico. I momenti conviviali hanno contribuito a favorire lo scambio di esperienze, preoccupazioni e riflessioni su economia, vita aziendale e giustizia sociale.

Con il titolo: "Persona e comunione, per una rifondazione dell’ Economia" , l'incontro ha visto la partecipazione di John Mundell, membro della Commissione Internazionale di Economia di Comunione, che ha attuato con successo il modello di EdC130824-25 Puebla 09 rid nella sua azienda, la Mundell & Associates, Inc. L’imprenditore americano ha colto l'occasione per lanciare ufficialmente in tutta l’Ispanoamerica il “Dado per le aziende” (The Company Cube) nella sua versione spagnola: un simpatico strumento che aiuta a vivere in pratica gli atteggiamenti e lo stile di vita proposti dall’ Economia di Comunione.

Durante il suo intervento, Mundell ha affermato che nel mondo sono circa un migliaio le aziende che aderiscono al modello EdC, con una forte presenza in Europa e con una notevole crescita nelle regioni dell'America Latina e dell'Africa. Circa la metà delle stesse sono aziende di servizi che occupano dagli 11 e 50 dipendenti.

130824-25 Puebla 06 ridAl congresso sono intervenuti anche gli imprenditori argentini Monica Salazar (Timbers Nogales), Germán Jorge (Dimaco SA) e il giovane Francisco Cervino (Sushi Anima). Ognuno di essi ha condiviso la propria esperienza sull’applicazione del modello EdC alla propria azienda. Anche molti imprenditori e studenti messicani hanno condiviso le esperienze, le preoccupazioni e le sfide che affrontano ogni giorno in campo economico: da questo fruttuoso scambio è venuto in rilievo come l' EdC sia la chiave per mantenere relazioni economiche fraterne e giuste, volte a contribuire al ripristino di un giusto ordine economico a livello mondiale e questo riconoscendo in Edc l'ispirazione del carisma dell'unità di Chiara Lubich .

Abbiamo raccolto le impressioni di due giovani partecipanti al congresso:

Alejandro Campa (laureato nel 2011 a Sophia con una tesi su marketing ed Edc) N37 Tesi Ale Campa ridscrive:  “Questo secondo congresso EdC è stato per me molto particolare. Ho sentito nascere una fiamma nuova: una fiamma che scaturisce dalla cenere dei tentativi di anni di tante persone che hanno dato la vita perché in Messico nascesse qualcosa di EdC, senza riuscire. Ora invece, dalle esperienze di questi pionieri si avverte chiaramente che il “Daimon Edc” -come lo chiamerebbe Luigino Bruni-, li spinge ad andare ancora avanti, realizzando qualcosa di grande insieme a noi giovani, che da meno tempo conosciamo e sentiamo la vocazione a lavorare e fare parte di questo grande progetto economico mondiale. Grazie alla presenza di John Mundell e degli imprenditori Argentini abbiamo potuto vedere come vivere in maniera reale e concreta la comunione nelle imprese. Con le loro esperienze abbiamo imparato come fare nei momenti duri, difficili, e anche nei momenti più semplici che si possono vivere in azienda. Mi ha colpito molto l’esperienza di Francisco, un giovane imprenditore argentino, perché ho visto come, pur così giovane, riesce a portare avanti una azienda EdC: nonostante le difficoltà che incontra, Francisco non si arrende mai e non gli passa nemmeno per la testa la possibilità di cambiare modello d’impresa, restando sempre fedele agli ideali con cui ha cominciato. Sento che ora tocca a noi, tocca a me,  proseguire il cammino, preparandomi e lavorando per l’EdC.”

130824-25 Puebla 10 Sara Alarez ridSara Alvarez racconta: “Questo congresso mi ha commosso: ho domandato a me stessa se veramente “faccio comunione” con chi mi è accanto. Mi ha motivato molto a vivere già da subito questo Spirito, in modo che la vita stessa vada sviluppandosi. Se Dio vorrà, arriverà il momento di essere imprenditrice o di collaborare con una azienda EdC, ma l’importante è sforzarsi ora, in questo momento e costruire questa comunione, ponendo a servizio le mie conoscenze, abilità e opportunità.”

L'Economia di Comunione si sforza di costruire una società più fraterna e solidale , in cui le aziende -pilastro del progetto- , liberamente scelgono di  mettere in comunione i propri utili a beneficio di  persone in situazione di povertà, per diffondere la cultura del dare, per lo sviluppo delle imprese, la creazione di posti di lavoro e il benessere delle loro comunità , contribuendo al bene comune .

Per saperne di più su questo progetto e il suo sviluppo in Messico e nel mondo, è possibile contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o visitare i siti web www.edc-online.org/es/ e www.thecompanycube.org

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it