ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

"Together we grow:youth towards an inclusive economy"

Il progetto di "scambio" per giovani "Together we grow: youth towards an inclusive economy" finanziato dalla Comunità europea permetterà a 42 giovani di 7 paesi diversi di approfondire l'EdC

di Marta Pancheva

EU logo ridSi avvicina la data del 5° appuntamento degli imprenditori e protagonisti dell'EdC europea che come noto si terrà in Croazia, a Križevci, dal 16 al 20 ottobre prossimi: un evento particolarmente importante per chi è già impegnato nella vita e nel lavoro secondo i principi cardine EdC. Allo stesso tempo un evento che può diventare una buona occasione per conoscerne la realtà più da vicino anche per chi non ha ancora avuto l'occasione di farlo.

E visto che uno degli obiettivi principali dell’EdC -sottolineato dalla sua fondatrice 130202 Faro 01 RidChiara Lubich ancora nel 1991- è di “formare uomini nuovi”, è sembrato essenziale coinvolgere in questo incontro anche i giovani, dando loro la possibilità di scoprire nel dialogo con gli imprenditori di comunione, quella cultura che muove dal di dentro il loro agire quotidiano; una cultura che mette al centro non tanto l’interesse personale quanto la volontà di costruire un mondo più giusto, a partire dalle proprie aziende e comunità locali e arrivando alla rete globale di cui esse fanno parte.

Per questo sette associazioni europee (da Croazia, Romania, Ungheria, Macedonia, Bulgaria, Germania ed Italia) hanno pensato di organizzare in contemporanea e come parte integrante dell’incontro imprenditoriale anche “uno scambio” di giovani intitolato “Together we grow: youth towards an inclusive economy” (“Crescere insieme: giovani per un’economia che include”). Con il supporto della Commissione Europea che co-finanzia il progetto, sono attesi così in Croazia 42 giovani tra i 18 ed i 30 anni, provenienti dai suddetti Paesi per trascorrere alcuni giorni di immersione nella vita delle aziende EdC, grazie alle varie esperienze condivise, al dialogo con i protagonisti ed ai lavori in gruppo.

Nell’ambito dello scambio i giovani assisteranno a sessioni plenarie in cui saranno 120204-05 Faro12 Tavernetta riddocenti e imprenditori assieme a chiarire in che modo la gratuità, la reciprocità e il dialogo possano diventare una vera e propria pratica di gestione. Verranno così poste le basi per i workshop durante i quali i partecipanti avranno la possibilità di lavorare su diversi argomenti tra i quali: “Cosa occorre per realizzare un business plan ed una start-up Edc”, “Le strade di inclusione degli indigenti a livello locare nella vita dell'impresa di comunione”, “La diffusione del progetto Edc, e della sua cultura”, “Management delle associazioni non profit” ed altri..

Poiché l’incontro diventi poi uno “scambio” vero e proprio di pensieri ed esperienze, sogni ed idee, un’occasione in cui tra i partecipanti si creino legami che vadano avanti anche dopo il soggiorno in Croazia, sarà cruciale conoscere più da vicino anche la cultura dell’altro. Sono previsti per questo diversi momenti di svago, serate culturali nonché le visite nella città di Križevci e di Zagabria.

La speranza è che i sei giorni trascorsi insieme ci portino a conoscerci bene ed ad 130203 Faro 06 Ridimparare uno dall’altro – i giovani dagli adulti, gli adulti dai giovani e a crescere tutti insieme nella capacità di intravvedere delle strade nuove, ancora inesplorate; indubbiamente la partecipazione di persone provenienti dalle varie parti del continente darà all’incontro un ampio respiro europeo. Ci auguriamo così che la vita dei presenti all’incontro si arricchisca “di altri” e che questo scambio diventi un vero laboratorio di fraternità e, magari, anche di progetti futuri che ci guidino al di là delle vecchie frontiere geografiche e mentali seguendo la via della comunione.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it