ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Spagna: Il lavoro, base di un nuovo patto sociale

Si è concluso con proposte concrete per rigenerare il tessuto sociale, il Congresso EdC su “Il valore del lavoro” a Madrid

di Ana Moreno Marín

141130 asistentes congresoIl valore della persona è la premessa fondamentale per costruire una nuova cultura economica e politica capace di rigenerare la società nella attuale crisi di valori che sta attraversando la Spagna.

Questa è la conclusione principale del congresso dal titolo Il valore del lavoro svoltosi dal 28 al 30 novembre al Centro Mariapoli Luminosa, vicino a Madrid, dall’EdC spagnola assieme al Movimento Politico per l’Unità, Umanità Nuova e la Fondazione Igino Giordani. Hanno partecipato 90 persone di diverse regioni da tutta la Spagna.

La necessità di un nuovo patto sociale.

Isaías Hernando, Presidente della Associazione Spagnola per un’Economia di Comunione ha sottolineato nel suo intervento la necessità di puntare ad un nuovo patto sociale basato sul lavoro come generatore di vita degna e bene comune. “Un patto per superare la situazione attuale dove il lavoro non è più al centro ma è stato relegato  e messo al servizio della finanza e del consumo, portando sofferenza a milioni di persone e sacrificando un’intera generazione di giovani. Finanza e consumo che, rimaste sole, sfruttano in diversi modi la fragiltà um141130 general congresoana creando nuove povertà: povertà lavorativa, vittime dell’usura e dell’azzardo”.

Come fare in modo che il lavoro torni ad avere un posto centrale nella società? La proposta di questo congresso passa dal recuperare e rivalutare la dimensione del dono e della gratuità implicita in ogni lavoro vero e che va oltre il contratto e l’incentivo. Come afferma Luigino Bruni: “Solo una società che apprezza e stima la gratuità può apprezzare e stimare il lavoro”.

Recuperare la Política con la P maiuscola.

Il lavoro è stato visto anche dalla prospettiva dell’etica, del diritto e della política. Mikel Arregi, politico del Partito Nazionalista Basco (PNV) e membro del Movimento Politico per l’Unità ha ribadito che è necessario un nuovo modo di organizzare la società e di capire il ruolo dell’economia, un nuovo modello basato sulla solidarietà che metta al centro le persone. “Questa crisi può essere un’opportunità per rigenerare la vita sociale e ricominciare. Abbiamo speranza, possiamo facerla creando una nuova coscienza sociale fondata sulla fraternità universale. Questo darà anche un esempio alla società”.

Una nuova cultura che coinvolge tutti.

141130 ponencia eticaytrabajoIn una nuova cultura economica e politica,  coloro che hanno una responsabilità pubblica devono esercitare il potere per raggiungere il Bene Comune. Nel contempo i cittadini devono ritrovare il ruolo critico e attivo che hanno perso, e puntare ad un comportamento esemplare, anche nell’ambito lavorativo. Come ha spiegato la giurista del lavoro Julieta Cedro, “le nostre azioni non devono essere indirizzate soltanto al diventare dei buoni professionisti ma anche a fare bene il nostro lavoro fino in fondo”. Ciò significa non cercare il proprio guadagno danneggiando i colleghi o lo Stato, ma cercare il bene di tutti.

Con le loro testimonianze, politici e imprenditori hanno mostrato che questa cultura è gia una realtà in crescita. Uno dei partecipanti diceva: “Mi hanno commosso le esperienze, perché riflettono il valore della persona come centro della azienda”.

Altrettanto ricchi ed istruttivi sono stati i workshop: Lavoro e política; l’Economia di Comunione nelle aule; Imprenditorialità e creazione di aziende.

Concorso di Idee Imprenditoriali.

In occasione del congresso è stato assegnato il premio del Concorso di Idee 141130 ganadora concursoideasemprendedorasImprenditoriali. La giovane sivigliana Clara Ortega ha vinto il concorso con un innovativo progetto di produzione di giardini verticali e ha ricevuto come premio un viaggio a Nairobi per poter partecipare alla Assemblea Internazionale EdC  nel mese di maggio 2015, oltre alla consulenza gratuita degli esperti della Associazione Spagnola per un’Economia di Comunione per portare avanti il Business Plan.

Le impressioni lasciate dai partecipanti: “Ho la sensazione di aver partecipato a qualcosa di ‘grande’, mi sento ‘rigenerato’… Tornando a casa e al lavoro ho sentito una nuova spinta”, “Le preziose esperienze mi hanno molto arricchito, sono il sollievo di cui la nostra società ha tanto bisogno”, ci spignono a non mollare nell’impegno di costruire una economia e una política più umane, solidali e fraterne.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it