Text Size

Rubriche

di Thomas Klann

Foto da incorniciare

 

Ischia, Castello Aragonese - foto di Thomas Klann

(clicca per ingrandire)

Alla fine dello scorso settembre ho potuto trascorrere qualche giorno di vacanza ad Ischia.
Oggi che - con le schede da 32GB e più - non c'è più la preoccupazione di dover cambiare il rullino (cosa che limitava e selezionava il numero degli scatti), è facile perdere il controllo del numero di foto fatte. 

Leggi tutto...

di Thomas Klann

Spettacoli sott'acqua

 

Monotaxis Grandoculis - foto di Paolo Calò

(clicca per ingrandire)

Io amo i panorami dall’alto, ma ho un amico che invece ama le profondità; è Paolo Calò, non fotografo di professione ma chirurgo.
Nel suo tempo libero si diverte ad andare sott'acqua, e lo fa senza usare mezzi ausiliari come le bombole ad esempio.
Fare fotografie subacquee in queste condizioni è impresa ancor più difficile.

Leggi tutto...

di Thomas Klann

Una foto è come un racconto dell'essenziale

 

La Chiesa delle tre vele a Roma (Dives in Misericordiae) - foto di Annette Löw

(clicca per ingrandire)

Tempo fa, ho mostrato alcune foto di architetture, anche di chiese.
Vorrei continuare questa serie con una foto, fatta da Annette Löw, architetto, che si è trovata “nel posto giusto al momento giusto”. Non avendo una macchina fotografica, l'autrice ha usato, come capita spesso oggi, un telefonino.

Leggi tutto...

di Ivan Turatti

Una lunga pazienza cieca e virale

IvanTuratti062013-p(Intervento al Meeting online del 14 giugno 2013 - video)

Negli ultimi 50 anni per diffondere una qualunque idea, prodotto, servizio, convinzione, ecc… l’equazione era piuttosto semplice: 
+soldi +spazi su stampa , tv, radio e cartelloni + visibilità nei punti vendita = maggiore diffusione.
Semplice no? Un sistema che favoriva le grandi organizzazioni con capitali da investire in visibilità e comunicazione!
Per anni ha funzionato. Ma oggi la pubblicità è ovunque, i punti vendita come i supermercati sono pieni di prodotti apparentemente simili l’uno con l’altro. Sembra che l’unica differenza degna di considerazione sia il prezzo più basso!
Insomma il sistema si è rotto, l’equazione non funziona più: il mondo è cambiato! Le persone si sono evolute, la globalizzazione ha cambiato le regole ed internet ha rivoluzionato il modo in cui le idee si diffondono.

Read more: XXIII Meeting online - Ivan Turatti

di Maria Rosa Logozzo

Un giornalista superuomo e pagato poco

AnaMoreno(Video dell'intervista trasmessa nel Meeting online del 19 aprile 2013, in lingua originale e doppiata in italiano )

Ana Moreno Marín, giornalista che lavora per la TV regionale d'Aragona in Spagna, dà il suo punto di vista sul giornalismo spagnolo nell'era della globalizzazione e delle reti sociali.

Ana accenna alle difficoltà tipiche di chi fa informazione oggi, in continua tensione tra la verifica della notizia e la necessità di immediatezza. Racconta poi di un modello di testata che sta riuscendo ad aver successo, quella di 'El Confidencial', che poggia sugli introiti pubblicitari ed è riuscita a raccogliere firme importanti nella sua redazione.

Oggi al giornalista sono richieste competenze di audiovisivi oltre che il saper trattare la notizia e, naturalmente, deve costare poco.

"Insomma stiamo andando verso un giornalista superuomo - osserva Ana -, ed a volte mi domando se davvero ci si potrà arrivare..."

Read more: XXII Meeting online - Ana Moreno

di Claudio D'Attis

Giovani grafici cambiano mestiere

Calasanzio2Lo scorso novembre mi è stato chiesto di tenere un corso di “grafica e nuovi media” all’Istituto Calasanzio di Campi Salentina, in provincia di Lecce, scuola finanziata dall’Assessorato alla Formazione della Regione Puglia.

Vi avevo già lavorato nel 2005 realizzando con i miei studenti due cortometraggi andati in onda anche in RAI. Cinque anni dopo la curiosità dei ragazzi era proprio catturata dalle ultime tecniche in campo mass-mediatico.

Come conclusione del corso, visto che ricorreva anche il decennale dell’Istituto, si è lavorato ad un convegno dal titolo "Giovani e Lavoro, una sfida tra speranza e futuro".

Read more: Semplice considerazione...

di Maria Rosa Logozzo

"Il comunicare è qualcosa che tu respiri"

LilianMugamboza-p(Video dell'intervista trasmessa, in lingua originale e doppiata in italiano )

Il titolo di questo post l'ho preso da una delle risposte che Lilian Mugamboza, giornalista del Kenia, ha dato a Marian Adams su com'era vista la comunicazione nella sua cultura.

I nostri media dell'Occidente ancora guardano all'Africa secondo stereotipi e non si accorgono dei passi in avanti che quelle popolazioni stanno facendo, è interessante ascoltare la visione di una giornalista africana sull'argomento.

Read more: XXII Meeting online - Lilian Mugamboza

More Articles...

  1. XXII Meeting online - Chiara Giaccardi
  2. Ciclo 'Uomo e Media' a Praga
  3. Media education online
  4. Pasqua andina alle falde del Cayambe
  5. XXI Meeting online - Intervista a Choi Seong Joo
  6. Crisi Centrafricana
  7. XXI Meeting online - Intervista a Rebecca Helm
  8. Energy Bits Video Challenge
  9. Massimo Gramelini a 'Le invasioni barbariche'
  10. Media literacy: prospettive
  11. XX Meeting online - Intervento di Thomas Klann
  12. Progetto E-nclusion in Slovenia
  13. In collegamento con Beatrice Kabutakapua
  14. Intervista ad Antonio Gaspari
  15. Ciclo "La cultura ci rende liberi"

sottolineature

Mentre i fenomeni di massificazione umana sono per gran parte prodotti quasi dall'esterno di questa, nessuna forza dall'esterno può bastare a tenere insieme vive le cellule di un organismo

Danilo Dolci 

News&You - Brochure

 

BrochureN_Y

english    italiano

Grazie a Starkmacher di questo lavoro!

Seguici su Facebook

Facebook_p

Utenti online

We have 20 guests and no members online

RSS Syndicator